e-mail
info.ptpl@tiscali.it

APPALTI
CONVEGNI
FORUM
G.U.R.I. - G.U.U.E. - B.U.R.L.
LINK
NEWS PUBBLICATE:
1-aggiornam. pregressi
2-Corte dei Conti
3-
dite la vostra ...
4-dottrina e contributi
5-funzione pubblica
6-giurisprudenza
7-modulistica
8-news
9-normativa
10-note, circolari e comunicati
11-quesiti & pareri
12-utilità
- - -
DOSSIER
:
13-
ABBAINO
14-
ABUSI EDILIZI
15-
AFFIDAMENTO IN HOUSE
16-AGIBILITA'
17-APPALTI
18-ARIA
19-ASCENSORE
20-ASL + ARPA
21-ATTI AMMINISTRATIVI
22-ATTI AMMINISTRATIVI (impugnazione-legittimazione)
23-ATTIVITA' COMMERCIALE IN LOCALI ABUSIVI
24-AVCP
25-BOSCO
26-BOX
27-CAMBIO DESTINAZIONE D'USO (con o senza opere)
28-CANCELLO, BARRIERA, INFERRIATA, RINGHIERA in ferro
29-CANNE FUMARIE e/o COMIGNOLI
30-CARTELLI STRADALI
31-CERTIFICATO DESTINAZIONE URBANISTICA
32-CERIFICAZIONE ENERGETICA e F.E.R.
33
-COMPETENZE GESTIONALI
34
-COMPETENZE PROFESSIONALI - PROGETTUALI
35-CONDIZIONATORE D'ARIA
36-CONDOMINIO
37-CONSIGLIERI COMUNALI
38-CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE
39-CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (gratuità per oo.pp. e/o private di interesse pubblico)
40-CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (prescrizione termine dare/avere)
41-CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE (rateizzato e/o ritardato versamento)
42-DEBITI FUORI BILANCIO
43-DEFINIZIONI INTERVENTI EDILIZI
44-DIA e SCIA
45-DIAP
46-DISTANZA dagli ALLEVAMENTI ANIMALI
47-DISTANZA dai CONFINI
48-DISTANZA dai CORSI D'ACQUA
49-DISTANZA dalla FERROVIA

50-DISTANZA dalle PARETI FINESTRATE
51-DURC
52-EDICOLA FUNERARIA
53-EDIFICIO UNIFAMILIARE
54-ESPROPRIAZIONE
55-INCARICHI LEGALI e/o RESISTENZA IN GIUDIZIO
56-INCARICHI PROFESSIONALI E PROGETTUALI
57-INCENTIVO PROGETTAZIONE
58-INDUSTRIA INSALUBRE
59L.R. 12/2005
60-L.R. 23/1997
61-LEGGE CASA LOMBARDIA
62-LOTTO EDIFICABILE - ASSERVIMENTO AREA - CESSIONE CUBATURA
63-LOTTO INTERCLUSO
64-MAPPE e/o SCHEDE CATASTALI (valore probatorio o meno)
65-MOBBING
66-MURO DI CINTA/RECINZIONE, DI CONTENIMENTO/SOSTEGNO, ECC.
67-OPERE PRECARIE
68-PARERE DI REGOLARITA' TECNICA, CONTABILE E DI LEGITTIMITA'
69-PERGOLATO e/o GAZEBO e/o BERCEAU
70-PERMESSO DI COSTRUIRE (annullamento e/o impugnazione)
71-PERMESSO DI COSTRUIRE (decadenza)
72-PERMESSO DI COSTRUIRE (deroga)
73-PERMESSO DI COSTRUIRE (legittimazione richiesta titolo)
74-PERMESSO DI COSTRUIRE (parere commissione edilizia)
75-PERMESSO DI COSTRUIRE (prescrizioni)
76-PERMESSO DI COSTRUIRE (proroga)
77-PERMESSO DI COSTRUIRE (verifica in istruttoria dei limiti privatistici al rilascio)
78
-
PERMESSO DI COSTRUIRE (volturazione)
79-
PERTINENZE EDILIZIE ED URBANISTICHE
80-PIANI PIANIFICATORI ED ATTUATIVI
81-PIANI PIANIFICATORI ED ATTUATIVI (aree a standard)
82-PISCINE
83-PUBBLICO IMPIEGO
84-RIFIUTI E BONIFICHE
85-
RINNOVO/PROROGA CONTRATTI
86-RUDERI
87-
RUMORE
88-SAGOMA EDIFICIO
89-SANATORIA GIURISPRUDENZIALE E NON (abusi edilizi)
90-SCOMPUTO OO.UU.
91-SEGRETARI COMUNALI
92-SIC-ZPS - VAS - VIA
93-SICUREZZA SUL LAVORO
94
-
SILOS
95-SINDACATI & ARAN
96-SOPPALCO
97-SOTTOTETTI
98-SUAP
99-SUE
100-STRADA PUBBLICA o PRIVATA o PRIVATA DI USO PUBBLICO
101-
TELEFONIA MOBILE
102-TENDE DA SOLE
103-TINTEGGIATURA FACCIATE ESTERNE
104-TRIBUTI LOCALI
105-VERANDA
106-VINCOLO CIMITERIALE
107-VINCOLO IDROGEOLOGICO
108-VINCOLO PAESAGGISTICO + ESAME IMPATTO PAESISTICO + VINCOLO MONUMENTALE
109-VINCOLO STRADALE
110-VOLUMI TECNICI

111-ZONA AGRICOLA

NORMATIVA:
dt.finanze.it
entilocali.leggiditalia.it

leggiditaliaprofessionale.it

simone.it

SITI REGIONALI
STAMPA
 
C.A.P.
Codice Avviamento Postale

link 1 - link 2
CONIUGATORE VERBI
COSTO DI COSTRUZIONE
(ag
g. indice istat):

link 1-BG - link 2-MI
link 3-CR
DIZIONARI
indici ISTAT:
link 1 - link 2-BG
link 3-MI

interessi legali:
link 1
MAPPE CITTA':
link 1 - link 2 - link 3
link 4 - link 5
METEO
1 - PAGINE bianche
2 - PAGINE gialle
PREZZI:
osservatorio prezzi e tariffe

prodotti petroliferi
link 1
- link 2
PUBBLICO IMPIEGO:
1 - il portale pubblico per il lavoro
2
- mobilità
 
 

SINDACATI & ARAN

Alcuni files sono in formato Acrobat (pdf): se non riesci a leggerli, scarica gratuitamente il programma Acrobat Reader (clicca sull'icona a fianco riportata).  -      segnala un errore nei links                                                                                

ANNO 2013

ANNO 2012

ANNO 2011

ANNO 2010

ANNO 2009

ANNO 2007

 

 

 

 

 

 

 

ANNO 2013

per approfondimenti vedi anche:
ARAN (Agenzia per la Rappresentanza Negoziale delle Pubbliche Amministrazioni)
CGIL <---> CISL <---> UIL
CGIL-FP di Bergamo <---> CISL-FPS di Bergamo

ottobre 2013

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Corte dei Conti - Patto di stabilità e assunzioni nelle aziende speciali e limite di spesa del personale (CGIL-FP di Bergamo, nota 28.10.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: La pensione anticipata e le penalizzazioni sui contributi non derivanti da "lavoro effettivo" (CGIL-FP di Bergamo, nota 28.10.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Disegno di legge di stabilità 2014 - Taglio dei compensi all'avvocatura e l'interpretazione sulle festività (CGIL-FP di Bergamo, nota 24.10.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Decurtazione quota sulla pensione anticipata (CSA Milano, nota 21.10.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Disegno di legge di Stabilità 2014 - Previsto il blocco del trattamento economico nel pubblico impiego (CGIL-FP di Bergamo, nota 21.10.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL. - Festività infrasettimanali, lavoro in turni, riduzione dell'orario di lavoro (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.10.2013).

settembre 2013

PUBBLICO IMPIEGO: Modalità applicative della disciplina contrattuale della retribuzione di risultato in presenza di una posizione organizzativa a tempo parziale.
Domanda

Ad un dipendente di categoria D, con contratto di lavoro a tempo indeterminato e a tempo parziale, con durata della prestazione pari a 18 ore settimanali, è stato affidato la titolarità di una posizione organizzativa.
La retribuzione di posizione, conseguentemente, è stata parametrata al 50% in relazione alla durata settimanale della prestazione lavorativa.
In questa particolare ipotesi, la retribuzione di risultato deve essere calcolata facendo riferimento al valore riproporzionato della retribuzione di posizione oppure può essere erogata per intero, con riferimento cioè all’ammontare pieno della stessa, qualora vengano raggiunti tutti gli obiettivi assegnati al dipendente, dato che tale voce retributiva, sulla base della disciplina contrattuale, è legata esclusivamente al conseguimento dei suddetti obiettivi?
Risposta

In relazione a tale particolare fattispecie, si ritiene utile precisare quanto segue.
Innanzitutto, si deve ricordare che
al personale con contratto di lavoro a tempo parziale, ordinariamente, non può essere conferita la titolarità di posizione organizzativa, ai sensi dell’art. 4, comma 2, del CCNL del 14.09.2000. Tale disciplina non è stata in alcun modo modificata o abrogata.
L’eventuale deroga è ammessa solo nei limiti ed alle condizioni stabiliti dall’art. 11 del CCNL del 22.01.2004.

L’effettiva attuazione della disciplina del citato art. 11 è rimessa solo ed esclusivamente alle valutazioni del singolo ente che preventivamente individua, in relazione alle proprie esigenze organizzative, anche in via solo temporanea, le posizioni organizzative che possono essere conferite anche a personale con rapporto a tempo parziale, di durata comunque non inferiore al 50% del rapporto a tempo pieno.
La particolare formulazione della clausola contrattuale, con il riferimento esclusivamente alle “esigenze organizzative” come autonomamente valutate dall’ente, vale ad evitare che l’individuazione delle posizioni organizzative conferibili a personale a tempo parziale finisca per essere collegata alle scelte individuali del singolo lavoratore.
L’ente potrebbe avvalersi della disciplina di cui si tratta anche con riferimento a posizioni organizzative attualmente ricoperte da personale a tempo pieno ed indeterminato.
Nessuna disposizione contrattuale esclude tale possibilità, tenuto conto che l’introduzione di posizioni organizzative a tempo parziale risponde, nella logica dell’istituto, alla necessità di soddisfare specifiche esigenze organizzative del datore di lavoro pubblico.
Sarà il dipendente, attualmente incaricato, a valutare l’opportunità di accettare il nuovo incarico, trasformando il suo rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale in relazione all’orario previsto per la posizione organizzativa.
Ai fini dell’applicazione della disciplina dell’art. 11 del CCNL del 22.01.2004, l’ente, come detto, procede alla preventiva valutazione delle proprie esigenze organizzative, per verificare se effettivamente queste richiedano posizioni organizzative a tempo parziale, anche con riferimento alla determinazione del tempo di lavoro delle stesse.
La verifica può anche concernere singoli casi, ma sempre sulla base di criteri oggettivi e trasparenti preventivamente adottati, per evitare forme di abuso o applicazioni personalizzate.
Il CCNL ha inteso evitare, invece, che il dipendente richieda, per esigenze personali, la trasformazione del proprio rapporto in rapporto a tempo parziale, e l’ente per assecondare la richiesta modifichi la propria organizzazione.
In relazione alla minore durata della prestazione lavorativa, l’ente dovrà procedere anche al riproporzionamento del valore della retribuzione di posizione ordinariamente connessa all’incarico conferito, in relazione al tempo di lavoro previsto per il rapporto di lavoro a tempo parziale, come espressamente prescritto dalla citata normativa dell’art. 11 del CCNL del 22.01.2004.
Diversamente ritenendo (prescindendo quindi dal riproporzionamento) si determinerebbe il paradosso di un incarico di posizione organizzativa retribuito allo stesso modo, sia se svolto a tempo pieno sia se svolto a tempo parziale.
In presenza di una posizione organizzativa a tempo parziale, secondo quanto sopra detto, non si pone alcun problema specifico di determinazione della relativa retribuzione di risultato.
Infatti, essendo questa particolare voce retributiva quantificata in una quota percentuale della retribuzione di posizione attribuita alla singola posizione organizzativa, diminuendo, formalmente e necessariamente, quest’ultima, secondo quanto sopra detto, automaticamente, non può non essere diminuita anche la retribuzione di risultato (settembre 2013 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, settembre 2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Lavoro part-time - Illegittimità della modifica unilaterale dell'orario di lavoro (CGIL-FP di Bergamo, nota 27.09.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Il finanziamento della previdenza complementare coi proventi delle sanzioni amministrative (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.09.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Corte dei Conti - Sì all'incremento del salario accessorio in caso di aumento del personale in servizio (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.09.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Assunzioni nelle pubbliche amministrazioni - Necessità dell'adozione del Piano triennale delle azioni positive (CGIL-FP di Bergamo, nota 16.09.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Legge Europea del 2013 - Dal 4 settembre accesso al pubblico impiego anche per i cittadini extracomunitari (CGIL-FP di Bergamo, nota 10.09.2013).

PUBBLICO IMPIEGOEsuberi nella pubblica amministrazione: estesa la norma che permette i pensionamenti con le regole pre-Fornero (CGIL-FP di Bergamo, nota 04.09.2013).

ENTI LOCALIComune di Bergamo - I compensi del CDA di B.O.F.: ovvero quando si predica bene e si razzola male (CGIL-FP di Bergamo, nota 04.09.2013).

agosto 2013

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, agosto 2013).

PUBBLICO IMPIEGOStraordinario elettorale - Per il lavoro prestato nel giorno di riposo è comunque necessario il riposo compensativo (CGIL-FP di Bergamo, nota 27.08.2013).

ENTI LOCALI: Art. 208 del C.d.S. - Prima apertura della Corte dei Conti Lombardia sul finanziamento di progetti per l'ampliamento dei servizi (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.08.2013).

luglio 2013

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, luglio 2013).

PUBBLICO IMPIEGOSul blocco del trattamento economico accessorio la Corte dei Conti s'incarta (CGIL-FP di Bergamo, nota 29.07.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: l'utilizzo di graduatorie di altri enti (CGIL-FP di Bergamo, nota 11.07.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL. - LE ASSUNZIONI ED IL D.LGS. N. 33 DEL 2013 (CGIL-FP di Bergamo, nota 01.07.2013).

giugno 2013

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, giugno 2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGOEE.LL.: la disciplina dell'indennità di turno (CGIL-FP di Bergamo, nota 27.06.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Quando l'orario di lavoro è articolato in turni secondo la disciplina contrattuale (CGIL-FP di Bergamo, nota 24.06.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: LA DISCIPLINA DELLE ASSUNZIONI NEGLI ENTI LOCALI  - ovvero il rischio che le procedure per assumere il personale costituiscano una vera e propria fatica di Sisifo (CGIL-FP di Bergamo, Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica numero speciale giugno 2013).

maggio 2013

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, maggio 2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Il complicato scioglimento del consorzio di Polizia Locale dell'Isola (CGIL-FP di Bergamo, nota 29.05.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: La mobilità volontaria: non è così "neutra" come afferma la Corte dei Conti (CGIL-FP di Bergamo, nota 16.05.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: L'applicazione del D.Lgs. 165/2001 alle aziende speciali (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.05.2013).

ENTI LOCALIGestioni associate e spesa del personale (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.05.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: L'incerto futuro delle province (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.05.2013).

aprile 2013

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, aprile 2013).

PUBBLICO IMPIEGO: FONDO PENSIONE “PERSEO” NON FACCIAMOCI INGANNARE (CSA di Milano, nota 22.04.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Che fine ha fatto l'indennità di vacanza contrattuale nel pubblico impiego? (CGIL-FP di Bergamo, nota 08.04.2013).

marzo 2013

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Possibili contenuti di un contratto decentrato integrativo - Indice ragionato (Comparto Regioni e Autonomie locali - Personale non dirigente) (ARAN, marzo 2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: La procedura della contrattazione decentrata integrativa - Comparto Regioni e Autonomie locali (ARAN, marzo 2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, marzo 2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Il fondo PERSEO ed i proventi delle multe (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.03.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: La nullità del contratto individuale di lavoro (CGIL-FP di Bergamo, nota 25.03.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Patto di stabilità e gestione associata delle funzioni fondamentali (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.03.2013).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Il conto annuale ed il censimento del personale del pubblico impiego - anno 2011 (CGIL-FP di Bergamo, nota 16.03.2013).

ENTI LOCALI: Corte dei Conti - La fondazione strumento inadatto per gestire servizi (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.03.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: RAPPORTO DI LAVORO - Si riporta di seguito un interessante articolo di S. Allegretti apparso sul numero 1-2/2013 di Guida al Pubblico Impiego riguardante le modalità di certificazione dei permessi per malattia del bambino, materia questo che spesso da luogo ad incomprensioni e vivaci polemiche negli enti ... (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.03.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Magari non sempre, ma ogni tanto: "i nodi vengono al pettine" (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.03.2013).
---------------
Avendo appreso da un articolo apparso su “L’Eco di Bergamo” del 20 febbraio scorso che in merito della vicenda relativa alla convenzione per l’esercizio associato del servizio di polizia locale tra il comune di Pontida e il comune di Filago, per la quale il comune di Filago è stato condannato per comportamento antisindacale a seguito del ricorso presentato dalla FP-CGIL, il comune di Pontida: “.. sulla base delle richieste pervenute dal Comune di Filago ha posto la soluzione del caso a Regione Lombardia, nel rispetto delle competenze e dei ruoli, al fine di evitare ogni possibile strumentalizzazione. Pertanto, tutte le OO. SS. compresa la CGIL FP potranno accedere a tutte le informazioni, anche attraverso un confronto diretto che non è stato mai richiesto, neanche informalmente.”, questa organizzazione sindacale ha subito presentato richiesta di accesso alle citate informazioni. (... continua).

febbraio 2013

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, febbraio 2013).

PUBBLICO IMPIEGO: VISITE SPECIALISTICHE E MALATTIA NEL PUBBLICO IMPIEGO (CGIL-FP di Bergamo, nota 16.02.2013).

ATTI AMMINISTRATIVI: Enti Locali: il sistema dei controlli interni modificato dal D.L. 174 del 2012 (CGIL-FP di Bergamo, nota 12.02.2013).

gennaio 2013

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, gennaio 2013).

PUBBLICO IMPIEGO: Le istruzione del Ministero dell'Interno per il rimborso dello straordinario elettorale (CGIL-FP di Bergamo, nota 28.01.2013).

PUBBLICO IMPIEGO: L’ILLEGITTIMA ATTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI NEGLI ENTI LOCALI (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.01.2013).
---------------
Per la FP-CGIL di Bergamo è sempre uno stimolo quando un amministratore ci accusa di vendere fumo ed infondatezze, soprattutto se quell’amministratore rimane ben lontano dal merito delle questioni.
Riprendiamo, quindi, l’annosa questione dell’illegittima nomina di personale appartenente alla categoria C a Responsabile degli Uffici e dei Servizi nel caso di presenza all’interno dell’ente (non del servizio o settore) di altri responsabili degli uffici e dei servizi appartenenti alla categoria D. (... continua).

PUBBLICO IMPIEGO: Personale: 10 risposte a 10 domande (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.01.2013).
---------------
1. Le progressioni orizzontali giuridiche - 2. La posizione organizzativa piccoli comuni - 3. L’indennità di trasferimento per cambiamento di comune - 4. Delega di funzioni dirigenziali - 5. Il conferimento di posizione organizzativa - 6. La mobilità negli enti locali - 7. Lo scorrimento della graduatoria a tempo determinato - 8. La liquidazione della produttività - 9. Il rimborso delle spese viaggio - 10. Misura della retribuzione di posizione.

PUBBLICO IMPIEGO: Importante condanna del comune di Bergamo per comportamento antisindacale (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.01.2013).
-------------
Con sentenza 03.01.2013 n. R.G. 3289/12 il Tribunale di Bergamo ha accolto il ricorso per comportamento antisindacale presentato dalla FP-CGIL di Bergamo contro il comune di Bergamo.
Con tale sentenza il Tribunale di Bergamo ha ritenuto sussistere il comportamento antisindacale in quanto con determinazione dirigenziale n. 1205/12 del 22.06.2012 il comune ha deciso di affidare all’esterno una serie di servizi sociali prima gestiti tramite gli uffici comunali senza dare alcuna informazione in merito alla FP-CGIL di Bergamo. (... continua).

ENI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Un esempio di come non scrivere una convenzione per la gestione associata di finzioni (CGIL-FP di Bergamo, nota 08.01.2013).
---------------
Pare che i comuni di Pontida e Filago siano intenzionati ad esercitare le funzioni di polizia locale anche per il triennio 2013-2015 in forma associata tramite convenzione, la formula dubitativa deriva dal fatto che fino ad oggi risulta che entrambi i comuni hanno comunicato alla scrivente organizzazione sindacale lo schema di convenzione che intendono adottare, ma che il solo comune di Filago abbia approvato con deliberazione consiliare n. 67 del 27.12.2012 tale schema. Probabilmente è solo una questione di velocità, per la precisione di velocità di trasparenza, risulterebbe, infatti, meno rapida dalle parti di Pontida.
Risulta, comunque, evidente a chi scrive che, approvata da entrambi i comuni la convenzione, si riprodurranno gli stessi problemi e l’esatta illegittima situazione prodottasi nel corso del 2012, aspetti che certamente non hanno favorito lo sviluppo di corrette relazioni sindacali, ciò in considerazione che il personale appartenente ai servizi di polizia locale è lo stesso e che probamente la responsabilità del servizio associato verrà affidata nuovamente a personale appartenente alla cat. C, in contrasto con quanto disposto dal CCNL vigente. (... continua).

ENI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Accolto il ricorso contro il Comune di Filago per comportamento antisindacale (CGIL-FP di Bergamo, nota 08.01.2013).
---------------
Con sentenza del 19.12.2012 n. 2769/12 il Tribunale di Bergamo ha in parte accolto il ricorso presentato dalla FP-CGIL di Bergamo contro il comune di Filago.
Nella citata sentenza il Tribunale di Bergamo pur non ritenendo che il comune di Filago con la deliberazione del 26.07.2012 abbia voluto ripartire unilateralmente le risorse del fondo di cui all’art. 15 del CCNL del 01.04.1999, palesando in tal modo una condotta antisindacale, ha ritenuto, invece, sussistere tale comportamento per la mancata informazione preventiva in merito alla gestione associata tramite convenzione con il comune di Pontida del servizio di polizia locale. (... continua).

PUBBLICO IMPIEGO: La ricongiunzione dei contributi dopo la legge di stabilità 2013 (CGIL-FP di Bergamo, nota 08.01.2013).
---------------
La nuova legge di stabilità, con il comma 239 del lunghissimo articolo unico, cerca di porre un minimo rimedio all’ingiustizia creata dal governo Berlusconi che, tramite il d.l. 78/2010, aveva introdotto il pagamento della ricongiunzione dei contributi per chi aveva più gestioni pensionistiche. Per semplificare, chi è passato da un lavoro privato ad un lavoro pubblico o chi ha visto cambiata la sua gestione pensionistica e non ha maturato il diritto alla pensione in una delle due casse alle quali ha versato i contributi, potrà andare in pensione con il requisito dell’età (dal 2013 66 anni e 3 mesi ed almeno 20 anni di contributi) unificando i contributi pensionistici delle varie casse nelle quali li ha versati. (...continua).

ANNO 2012
novembre 2012

PUBBLICO IMPIEGO: Tornare a tempo pieno è un diritto soggettivo del dipendente pubblico (CGIL-FP di Bergamo, nota 19.11.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: TFS-TFR.
DOPO LA POSITIVA CONCLUSIONE DELLA VERTENZA SUL TFR ED IL RIPRISTINO DELL'INDENNITA' DI BUONUSCITA, SI PARTE CON I RICORSI PER LA RESTITUZIONE DELLE SOMME INDEBITAMENTE TRATTENUTE AI LAVORATORI GIA' IN REGIME DI TFR.
Dopo la nota sentenza della Corte Costituzionale, emanata a seguito dei numerosi ricorsi presentati e la pronta emanazione, da parte del Governo, del DL 185 che ha di fatto ripristinato per tutti i lavoratori già in servizio al 31.12.2000 il trattamento di fine servizio o buonuscita, la UIL PA intende procedere alla verifica, in sede giudiziaria, della legittimità delle trattenute operate da molte amministrazioni sulle retribuzioni dei lavoratori assunti dopo il 31.12.2000, in regime di Trattamento di Fine Rapporto ai sensi dell'art. 2120 CC.
Da accertamenti effettuati sui cedolini dello stipendio di molti di questi colleghi sembra che continui ad essere operata la trattenuta del 2,5% in favore delle gestioni previdenziali ex INPDAP.
D'intesa con il nostro studio legale convenzionato Avv. Galleano, stiamo predisponendo una serie di ricorsi ai Tribunali del Lavoro di alcune città campione (Roma, Milano, Foggia, Torino, Venezia, Napoli) per l'accertamento della illegittimità della trattenuta.
I costi dei ricorsi pilota, come sempre, sono a totale carico della UIL PA ed i lavoratori iscritti non dovranno versare alcun contributo.
In allegato una illustrazione della situazione vigente, commentata alla luce delle recenti novità intervenute (19.11.2012 - link a www.uilpa.it).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Preoccupazione per il nuovo decreto-legge di riordino delle province a statuto ordinario (CGIL-FP di Bergamo, nota 04.11.2012).

ottobre 2012

PUBBLICO IMPIEGO: Trattenuta del 2,5%: dopo la sentenza della Corte Costituzionale il Governo decide di tornare al vecchio regime (CGIL-FP di Bergamo, nota 31.10.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: TRATTENUTA DEL 2,50% SULL’INDENNITA’ DI BUONUSCITA (C.S.A. di Milano, nota 30.10.2012).

PUBBLICO IMPIEGO - TRIBUTI: Con l'IMU spariscono gli incentivi per il personale addetto all'ufficio tributi (CGIL-FP di Bergamo, nota 29.10.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: In merito all'impossibilità di pagare le ferie arretrate (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.10.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Illegittima la trattenuta del 2,5% sulle retribuzioni dei dipendenti pubblici per finanziare il T.F.S. (CGIL-FP di Bergamo, nota 15.10.2012).

SEGRETARI COMUNALI: Regioni ed Autonomie Locali-Raccolta sistematica.
La raccolta sistematica si propone di facilitare la lettura dei diversi contratti collettivi nazionali di lavoro vigenti, stipulati negli anni, offrendone una visione unitaria e sistematica.
Essa è stata redatta attraverso la collazione delle clausole contrattuali vigenti, raccolte all’interno di uno schema unitario, per favorire una più agevole consultazione.
A tal fine, sono state aggregate tutte le clausole afferenti a ciascun istituto contrattuale, anche quelle definite in tempi diversi nell’ambito di differenti CCNL, conservando tuttavia la numerazione vigente ed il riferimento al contratto di origine.
Si tratta, pertanto, di un testo meramente compilativo che, non avendo carattere negoziale, non può avere alcun effetto né abrogativo, né sostitutivo delle clausole vigenti, le quali prevalgono in caso di discordanza.
La riproduzione dei testi forniti nel formato elettronico è consentita purché ne venga menzionata la fonte ed il carattere gratuito. La raccolta è il frutto di una selezione redazionale. L’Aran non è responsabile di eventuali errori o imprecisioni, nonché di danni conseguenti ad azioni o determinazioni assunte in base alla consultazione della stessa.
---------------
Nota: navigando all’interno del documento PDF, per tornare alla vista precedente utilizzare i tasti ALT + tasto direzionale sx (ARAN, settembre 2012).

PUBBLICO IMPIEGO: DICHIARATA DALLA CORTE COSTITUZIONALE L’ILLEGITTIMITA’ DELLA TRATTENUTA DEL 2,50% SULL’INDENNITA’ DI BUONUSCITA  (CSA di Milano, nota 16.10.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: L'esercizio associato di funzioni e di servizi tramite convenzione ed il personale interessato (CGIL-FP di Bergamo, nota 04.10.2012).

settembre 2012

PUBBLICO IMPIEGO: Area II (Dirigenza Regioni ed Autonomie locali) - Raccolta sistematica.
La raccolta sistematica si propone di facilitare la lettura dei diversi contratti collettivi nazionali di lavoro vigenti, stipulati negli anni, offrendone una visione unitaria e sistematica.
Essa è stata redatta attraverso la collazione delle clausole contrattuali vigenti, raccolte all’interno di uno schema unitario, per favorire una più agevole consultazione.
A tal fine, sono state aggregate tutte le clausole afferenti a ciascun istituto contrattuale, anche quelle definite in tempi diversi nell’ambito di differenti CCNL, conservando tuttavia la numerazione vigente ed il riferimento al contratto di origine.
Si tratta, pertanto, di un testo meramente compilativo che, non avendo carattere negoziale, non può avere alcun effetto né abrogativo, né sostitutivo delle clausole vigenti, le quali prevalgono in caso di discordanza.
La riproduzione dei testi forniti nel formato elettronico è consentita purché ne venga menzionata la fonte ed il carattere gratuito. La raccolta è il frutto di una selezione redazionale. L’Aran non è responsabile di eventuali errori o imprecisioni, nonché di danni conseguenti ad azioni o determinazioni assunte in base alla consultazione della stessa.
---------------
Nota: navigando all’interno del documento PDF, per tornare alla vista precedente utilizzare i tasti ALT + tasto direzionale sx (ARAN, settembre 2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Regioni ed Autonomie Locali-Raccolta sistematica.
La raccolta sistematica si propone di facilitare la lettura dei diversi contratti collettivi nazionali di lavoro vigenti, stipulati negli anni, offrendone una visione unitaria e sistematica.
Essa è stata redatta attraverso la collazione delle clausole contrattuali vigenti, raccolte all’interno di uno schema unitario, per favorire una più agevole consultazione.
A tal fine, sono state aggregate tutte le clausole afferenti a ciascun istituto contrattuale, anche quelle definite in tempi diversi nell’ambito di differenti CCNL, conservando tuttavia la numerazione vigente ed il riferimento al contratto di origine.
Si tratta, pertanto, di un testo meramente compilativo che, non avendo carattere negoziale, non può avere alcun effetto né abrogativo, né sostitutivo delle clausole vigenti, le quali prevalgono in caso di discordanza.
La riproduzione dei testi forniti nel formato elettronico è consentita purché ne venga menzionata la fonte ed il carattere gratuito. La raccolta è il frutto di una selezione redazionale. L’Aran non è responsabile di eventuali errori o imprecisioni, nonché di danni conseguenti ad azioni o determinazioni assunte in base alla consultazione della stessa.
---------------
Nota: navigando all’interno del documento PDF, per tornare alla vista precedente utilizzare i tasti ALT + tasto direzionale sx (ARAN, settembre 2012).

luglio 2012

PUBBLICO IMPIEGO: TFS-TFR trattenuta del 2,5%.
I DUBBI SULLA LEGITTIMITA' COSTITUZIONALE DELLA TRATTENUTA SOLLEVATI DAL TRIBUNALE DEL LAVORO DI ROMA.
Il punto della situazione sull'iniziativa della UIL PA per l'abolizione della trattenuta.

La nostra iniziativa che da alcuni mesi stiamo portando avanti attraverso le diffide individuali e con azioni giudiziarie mirate, con cause pilota su alcune città, comincia a dare i primi segnali che qualcosa si muove.
Sono stati presentati ricorsi ai Tribunali del Lavoro di Milano (presentato 15.06.2012 - fissata udienza il 02.10.2012), Roma (presentato il 27.06.2012), Foggia (presentato il 27.06.2012).
E’ in fase avanzata la predisposizione degli atti per la presentazione del ricorso ai Tribunali del lavoro di Venezia e Torino.
Intanto su questa materia, per un ricorso già presentato da personale della scuola, il TRIBUNALE di Roma, Sez. lavoro, accogliendo parzialmente le argomentazioni dei ricorrenti, con ordinanza 09.05.2012 ha investito la Corte Costituzionale perché sia valutata la legittimità della persistenza della trattenuta del 2,5%, dopo l’entrata in vigore dell’art. 12, comma 10, del D.L. 78/2010, con riferimento agli artt. 3 (principio di uguaglianza) e 36 (giusta retribuzione) della Costituzione (link a www.http://www.uilpa.it).

ENTI LOCALI: Spending review: riduzione della spesa per gli enti territoriali (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.07.2012).

ENTI LOCALI: Spending review: ancora incertezze sul futuro delle province (CGIL-FP di Bergamo, nota 13.07.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: SPENDING REVIEW: rideterminazione delle dotazioni organiche ed esuberi di personale (CGIL-FP di Bergamo, nota 12.07.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: SPENDING REVIEW: il taglio dei buoni pasto e la nuova disciplina delle ferie (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.07.2012).

ENTI LOCALI: EE.LL.: Corte Costituzionale e decreto sulla spending review spingono all'obbligatoria dismissione delle società partecipate (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.07.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: La revisione della spesa pubblica secondo il governo Monti (CGIL-FP di Bergamo, nota 05.07.2012).

giugno 2012

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: la disciplina delle assunzioni di personale a tempo indeterminato (CGIL-FP di Bergamo, nota 30.06.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: il ricorso alle forme di lavoro flessibile (CGIL-FP di Bergamo, nota 30.06.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Incentivi all'esodo e danno erariale (CGIL-FP di Bergamo, nota 25.06.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Revisione della spesa pubblica: nuovi tagli per i pubblici dipendenti? (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.06.2012).

APPALTI SERVIZI: La fondazione di partecipazione per la gestione dei servizi pubblici locali (CGIL-FP di Bergamo, nota 18.06.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Da pubblico a privato ... con qualche problema (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.06.2012).

ATTI AMMINISTRATIVI - SINDACATI: Va confermata la piena legittimazione delle organizzazioni sindacali ad azionare il diritto di accesso, sia iure proprio, sia a tutela di interessi giuridicamente rilevanti della categoria rappresentata, purché esso non configuri una forma di preventivo e generalizzato controllo dell’intera attività dell’Amministrazione datrice di lavoro.
Vanno decisamente in questo senso altre sentenze del Consiglio di Stato, applicando più generali principi messi in luce da precedenti sentenze che hanno riconosciuto in via estesa e sistematica il diritto di accesso a tutela di interessi collettivi e diffusi, con il limite che esso “non giustifica un generalizzato e pluricomprensivo diritto alla conoscenza di tutti i documenti riferiti all’attività di un gestore di un servizio.
---------------
L’esercizio del diritto di accesso costituisce, rispetto ai diritti di informazione riconosciuti per legge al sindacato, uno strumento del tutto autonomo, ma è per converso legittimato dallo stesso tipo di interesse e dalla stessa ratio che sostiene le norme sul diritto di informazione. L’esistenza di queste dimostra in modo tangibile che i dati in materia non corrispondono ad interessi di singoli, ma ad un interesse tipicamente collettivo, in quanto riguardano la verifica della osservanza di criteri oggettivi attraverso il confronto di una pluralità di casi e l’esame di singole situazioni anomale alla luce dei criteri fissati.
Si tratta quindi di un interesse specifico e proprio del sindacato, del tutto distinto da quello che i singoli associati potrebbero far valere. Non solo, ma questo interesse va oltre quello dei propri associati: un sindacato non solo tutela i propri iscritti, ma anche quelli dei non iscritti e tende ad accrescere la sua forza agendo per acquisire nuovi iscritti e maggiore rappresentatività.
Tale interesse è inoltre concreto e attuale perché in grado di determinare corrispondenti iniziative del sindacato a tutela degli interessi collettivi che gli sono propri e che si riferiscono alla intera categoria rappresentata, la quale è certamente nel suo complesso interessata ad evitare disparità di trattamento di casi analoghi tra i dipendenti, siano o meno iscritti al sindacato, mentre i singoli associati, ove avvantaggiati, potrebbero esserlo molto meno.
---------------
Non basta avere un interesse valido e giuridicamente rilevante se la richiesta configura una forma di controllo generalizzato sulla pubblica amministrazione, in quanto questo limite all’accesso è posto esplicitamente dall’articolo 24, comma 3, a prescindere dalla esistenza di un interesse ancorché qualificato.
La richiesta di accesso ha, infatti, carattere accessorio e complementare rispetto a diritti di informazione che hanno la stessa portata, differenziandosi solo per il contenuto. Essa è pertanto strumentale alla medesima finalità ed è quindi -per definizione normativa- una forma di controllo consentita e legittima con riferimento ad uno specifico settore di attività, che è quello definito dal corrispondente diritto di informazione. Pertanto, il diritto di informazione non si confonde, ma costituisce un valido presupposto per l’esercizio di una richiesta di accesso con diversi contenuti aventi la stessa portata spaziale e temporale.

Anzitutto va confermata la piena legittimazione delle organizzazioni sindacali ad azionare il diritto di accesso, sia iure proprio, sia a tutela di interessi giuridicamente rilevanti della categoria rappresentata, purché esso non configuri una forma di preventivo e generalizzato controllo dell’intera attività dell’Amministrazione datrice di lavoro.
Vanno decisamente in questo senso le sentenze del Consiglio di Stato, Sezione VI, n. 1351/2009 e n. 24/2010, applicando più generali principi messi in luce da precedenti sentenze che hanno riconosciuto in via estesa e sistematica il diritto di accesso a tutela di interessi collettivi e diffusi, con il limite che esso “non giustifica un generalizzato e pluricomprensivo diritto alla conoscenza di tutti i documenti riferiti all’attività di un gestore di un servizio..” (Consiglio di Stato, Sezione VI, n. 555/2006).
Occorre dunque verificare nel caso di specie:
a) l’esistenza di un interesse collettivo proprio del sindacato ad azionare il diritto di accesso nella materia indicata;
b) la non opponibilità di limiti previsti dalle norme in vigore e, in modo specifico, sia quelli derivanti dal divieto di esercitare nella forma dell’accesso un controllo generalizzato su attività amministrative, sia quelli derivanti dal diritto alla riservatezza delle persone interessate.
Per dirimere ognuno di questi diversi aspetti, il Collegio ritiene necessario delineare il quadro normativo nel quale la richiesta di accesso si colloca. Quest’ultima si aggiunge ad un diritto di informazione già normativamente previsto, nella stessa materia, dall’art. 7, comma 3, del D.P.R. n. 254/1999, che riconosce al sindacato l’informazione relativa al “numero delle assegnazioni temporanee e dei relativi rinnovi”, e dall’articolo 24 dello stesso decreto che conferma questo diritto di informazione in materia quanto “ai criteri generali e alle iniziative concernenti:….b) la mobilità del personale a domanda”.
Richiamare tali norme non significa confondere il diritto di informazione da esse sancito con il diritto di accesso ai documenti relativi, come sostenuto nell’appello. Al contrario, vi è una precisa distinzione tra la tutelata aspettativa ad essere informati su alcuni aspetti e l’esercizio del diritto di accesso su altri aspetti della stessa materia.
Dalla disciplina della materia nel quadro normativo e contrattuale in vigore per il personale di polizia, si evince però che la materia è tra quelle di massimo interesse del sindacato in rapporto alle condizioni specifiche del rapporto di lavoro nell’ambito delle forze di polizia, ove la questione della sede di assegnazione e della mobilità a domanda è tra quelle che incidono maggiormente sulla vita degli operatori e delle loro famiglie.
L’esercizio del diritto di accesso costituisce, rispetto ai diritti di informazione riconosciuti per legge al sindacato, uno strumento del tutto autonomo, ma è per converso legittimato dallo stesso tipo di interesse e dalla stessa ratio che sostiene le norme sul diritto di informazione. L’esistenza di queste dimostra in modo tangibile che i dati in materia non corrispondono ad interessi di singoli, ma ad un interesse tipicamente collettivo, in quanto riguardano la verifica della osservanza di criteri oggettivi attraverso il confronto di una pluralità di casi e l’esame di singole situazioni anomale alla luce dei criteri fissati.
Si tratta quindi di un interesse specifico e proprio del sindacato, del tutto distinto da quello che i singoli associati potrebbero far valere. Non solo, ma questo interesse va oltre quello dei propri associati: un sindacato non solo tutela i propri iscritti, ma anche quelli dei non iscritti e tende ad accrescere la sua forza agendo per acquisire nuovi iscritti e maggiore rappresentatività.
Tale interesse è inoltre concreto e attuale perché in grado di determinare corrispondenti iniziative del sindacato a tutela degli interessi collettivi che gli sono propri e che si riferiscono alla intera categoria rappresentata, la quale è certamente nel suo complesso interessata ad evitare disparità di trattamento di casi analoghi tra i dipendenti, siano o meno iscritti al sindacato, mentre i singoli associati, ove avvantaggiati, potrebbero esserlo molto meno.
Dimostrato il carattere collettivo e propriamente sindacale dell’interesse sottostante l’accesso, non sfugge al Collegio che questa stessa Sezione ha anche di recente affermato -nella sentenza n. 519/2012- che non basta avere un interesse valido e giuridicamente rilevante se la richiesta configura una forma di controllo generalizzato sulla pubblica amministrazione, in quanto questo limite all’accesso è posto esplicitamente dall’articolo 24, comma 3, a prescindere dalla esistenza di un interesse ancorché qualificato. Occorre dunque escludere che la richiesta in oggetto, pur se sostenuta da un valido interesse, configuri una forma di controllo generalizzato. Anche a questo fine risulta decisiva l’analisi del quadro normativo sopra ricordato.
La richiesta di accesso ha, infatti, carattere accessorio e complementare rispetto a diritti di informazione che hanno la stessa portata, differenziandosi solo per il contenuto. Essa è pertanto strumentale alla medesima finalità ed è quindi -per definizione normativa- una forma di controllo consentita e legittima con riferimento ad uno specifico settore di attività, che è quello definito dal corrispondente diritto di informazione. Pertanto, il diritto di informazione non si confonde, ma costituisce un valido presupposto per l’esercizio di una richiesta di accesso con diversi contenuti aventi la stessa portata spaziale e temporale.
E’ invece diverso il caso dei limiti che la richiesta di accesso può incontrare per il necessario rispetto dei diritti di riservatezza del personale interessato alle assegnazioni provvisorie disposte. Il TAR ha dimostrato di tener conto di questo aspetto, disponendo l’integrazione del contraddittorio nei confronti delle persone nominativamente indicate nel ricorso come destinatarie di provvedimenti di assegnazione provvisoria e prevedendo nel dispositivo che il diritto della “CONSAP” di prendere visione degli atti da essa richiesti sussisteva limitatamente alla posizione dei controinteressati intimati.
Tale limite deve essere confermato in sede di appello, ma deve essere accentuato e integrato, stabilendo in aggiunta che l’Amministrazione deve adempiere all’accesso nei limiti e con modalità tali che consentano di rispettare il diritto alla riservatezza delle persone interessate per i dati da considerare sensibili alla stregua di quanto previsto dal provvedimento generale n. 29823 del 09.07.2003 dell’Autorità Garante per la protezione dei dati personali (Consiglio di Stato, Sez. III, sentenza 04.06.2012 n. 2559 - link a www.giustizia-amministrativa.it).

maggio 2012

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Protocollo P.A.: stop alle fasce di merito di Brunetta e più spazio alla contrattazione (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.05.2012).

aprile 2012

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Spending review - Secondo il Viceministro Grilli è solo una questione di personale (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.04.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGOComunità Montane: l'intervento confuso della Regione Lombardia (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.04.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Passaggio di dipendenti per effetto di trasferimento di attività - Art. 31 D.Lgs. 165/2001 (CGIL-FP di Bergamo, nota 17.04.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Nota ARAN 15131/2012 del 10.04.2012 - I chiarimenti poco chiari sulla revoca dell’ammissione del CSA al CCNQ (CSA di Roma, comunicato 13.04.2012: file 1 - file 2).

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL. - Quando la corte dei Conti non "c'azzecca" per niente (... in merito alla soppressione di posizioni organizzative) (CGIL-FP di Bergamo, nota 10.04.2012).

SEGRETARI COMUNALI: EE.LL. - Trattamento economico dei segretari comunali (CGIL-FP di Bergamo, nota 10.04.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Polizia Locale - E' legittima l'attribuzione dell'indennità di disagio (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.04.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: La contrattazione integrativa nel pubblico impiego - EE.LL.: la contrattazione integrativa nei CCNL e i limiti previsti dalle disposizioni finanziarie (CGIL-FP di Bergamo, nota aprile 2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: LA CONTRATTAZIONE INTEGRATIVA NEL PUBBLICO IMPIEGO:
● la disciplina della contrattazione integrativa nel d.lgs. 165 del 2001;
● misurazione, valutazione e trasparenza della performance  e merito e premi nel d.lgs. 150 del 2009;
● le modifiche ed integrazioni al d.lgs. 150 del 2009 introdotte dal d.lgs. 141 del 2011
(CGIL-FP di Bergamo, nota aprile 2012).

marzo 2012

ENTI LOCALI  - PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: le posizioni organizzative e il blocco del salario accessorio (CGIL-FP di Bergamo, nota 29.03.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Art. 18 e pubblico impiego - Professoroni allo sbaraglio (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.03.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Eccedenze di personale nelle pubbliche amministrazioni e licenziamento per motivi economici (CGIL-FP di Bergamo, nota 19.03.2012).

APPALTI - ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: la conversione in legge del decreto milleproroghe (CGIL-FP di Bergamo, nota 19.03.2012).

febbraio 2012

PUBBLICO IMPIEGO: Benessere individuale: lo stress da lavoro e le sue conseguenze (CGIL-FP di Bergamo, nota 22.02.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: Benessere organizzativo: valorizzare le persone per valorizzare l'organizzazione (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.02.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ I lavoratori assunti con contratto di lavoro a termine possono fruire delle ferie maturate e non godute nell’ambito di un precedente rapporto a termine con lo stesso ente oppure queste ferie devono essere monetizzate? (parere 07.02.2012 n. RAL-1092 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Per un lavoratore turnista, le giornate di festività infrasettimanali ricadenti in un periodo di ferie sono da escludere dal conteggio delle giornate di ferie complessivamente godute nel periodo stesso oppure devono essere fruite anche esse come giornate di ferie? (parere 07.02.2012 n. RAL-1076 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ L’art. 18, comma 2, del CCNL del 06.07.1995 (la durata delle ferie è di 32 giorni lavorativi) può essere interpretato nel senso che la giornata del sabato deve essere computata come giorno di ferie? (parere 07.02.2012 n. RAL-1075 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Un lavoratore, a tempo pieno ed indeterminato nonché titolare di posizione organizzativa, dipendente dal comune A, è utilizzato a tempo parziale anche presso il comune B, sulla base di una convenzione stipulata ai sensi dell’art. 14 del CCNL del 22.01.2004. L’articolazione dell’orario di lavoro convenuta, prevede una prestazione lavorativa di 4 ore presso il comune A ed altre 4 presso il comune B, distribuite su 5 giorni settimanali.
Ai fini del calcolo delle ferie, come devono essere conteggiate e/o ripartite le stesse, dato che il dipendente presta attività presso due comuni?
Quando il lavoratore si assenta presso un comune e presta servizio presso l’altro, la giornata di ferie deve essere considerata per intero o come mezza giornata? Di quanti giorni di ferie all’anno ha diritto presso ciascun ente?
(parere 07.02.2012 n. RAL-1073 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Il dipendente può chiedere di interrompere la fruizione delle ferie per avvalersi dei tre giorni di permesso per assistenza a portatori di handicap, ai sensi dell’art. 33 della legge n. 104/1992? (parere 07.02.2012 n. RAL-1071 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Durante il periodo di preavviso (art. 12 del CCNL del 09.05.2006), regolarmente lavorato dal dipendente assunto con contratto a temo indeterminato, maturano le ferie nonostante queste non potranno essere fruite ma solo monetizzate al cessare del rapporto di lavoro? (parere 06.02.2012 n. RAL-1063 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Presso un ente il personale dirigente e non dirigente non ha fruito nei termini previsti dai contratti (anno di competenza o motivi particolari entro il 30 giugno dell’anno successivo) le ferie maturate.
Come comportarsi? E’ corretto disporre un piano di smaltimento e, qualora non svolto, eliminare le ferie? Oppure cosa fare?
(parere 06.02.2012 n. RAL-1070 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ A favore del personale assunto con rapporto di lavoro a termine e a tempo parziale, in servizio continuativo presso un ente locale da più di tre anni, è possibile dare applicazione alle previsioni dell’art. 18, comma 4, del CCNL del 06.07.1995, che riconosce ai dipendenti, dopo tre anni servizio 32 giorni di ferie? (parere 06.02.2012 n. RAL-1067 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E’ possibile la fruizione frazionata ad ore o a mezze giornate delle quattro giornate di festività soppresse, di cui all’art. 18, comma 6, del CCNL del 06.07.1995? (parere 06.02.2012 n. RAL-1066 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Nel caso di eventi atmosferici eccezionali come è possibile giustificare l’assenza dal lavoro del dipendente o l’eventuale ritardo? (parere 06.02.2012 n. RAL-1065 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: Il Professor Monti e l'articolo 18 dello statuto dei lavoratori (CGIL-FP di Bergamo, nota 06.02.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come deve essere considerata l’assenza dal servizio per esercitare il diritto di voto? Il dipendente ha diritto ad uno specifico permesso? (parere 05.02.2012 n. RAL-1052 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ In materia di termini di fruizione delle ferie prevale la disciplina contrattuale o quella legale (art. 10 del D.Lgs. n. 66/2003 e successive modificazioni ed integrazioni)?
E’ possibile una lettura coordinata delle disposizioni previste dalle due fonti?
(parere 05.02.2012 n. RAL-1051 - link a www.arangenzia.it).

gennaio 2012

PUBBLICO IMPIEGO: OGGETTO: Elezioni RSU 2012 – Nota operativa n. 4 (CSA di Roma, nota 18.01.2012 n. 80 di prot.).

ENTI LOCALILa gestione associata delle funzioni comunali - La disciplina delle unioni di comuni a seguito dei recenti provvedimenti governativi (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.01.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: OGGETTO: Elezioni RSU 2012 – Nota operativa n. 3 (CSA di Roma, nota 10.01.2012 n. 47 di prot.).

PUBBLICO IMPIEGO: Il pubblico impiego e l'art. 18 dello statuto dei lavoratori (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.01.2012).

PUBBLICO IMPIEGO: OGGETTO: Elezioni RSU 2012 – Nota operativa n. 2 (CSA di Roma, nota 05.01.2012 n. 3 di prot.).

PUBBLICO IMPIEGO: Nessuna novità positiva per le pensioni dalla conversione in legge del decreto Monti (CGIL-FP di Bergamo, nota 03.01.2012).

ENTI LOCALICorte dei Conti: il computo delle società partecipate per le assunzioni negli enti locali (CGIL-FP di Bergamo, nota 03.01.2012).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGODecreto milleproroghe: sei mesi in più per la gestione associata delle funzioni fondamentali (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.01.2012).

ANNO 2011
dicembre 2011

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, dicembre 2011).

PUBBLICO IMPIEGOEE.LL.: la disciplina delle assunzioni dopo la legge di stabilità per il 2012 (CGIL-FP di Bergamo, nota 28.12.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Oggetto: Rinnovo R.S.U. Elezioni del 05-07.03.2012. Chiarimenti circa lo svolgimento delle elezioni (ARAN, circolare 22.12.2011 n. 4/2011).

PUBBLICO IMPIEGO: OGGETTO: Elezioni RSU 2012 – Nota operativa n. 1 (CSA di Roma, nota 15.12.2011 n. 774 di prot.).

PUBBLICO IMPIEGOElezioni RSU.
Il 14.12.2011 ARAN e Confederazioni Sindacali hanno siglato l'accordo per il rinnovo delle RSU; le elezioni si terranno il 05-07.03.2012 (Protocollo 14.12.2011 per la definizione del calendario delle votazioni per il rinnovo delle rappresentanze unitarie del personale dei comparti - tempistica delle procedure elettorali).

PUBBLICO IMPIEGO: Manovra Monti: dal 2012 in pensione più tardi e con  un assegno più leggero (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.12.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Oggetto: risorse per censimento ISTAT (CISL-FP di Beramo, nota 07.12.2011).
Si leggano altresì i relativi allegati: file 1 - file 2 - file 3 - file 4 - file 5.

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, dicembre 2011).

novembre 2011

PUBBLICO IMPIEGO: Decurtazione salario accessorio per la malattia: rimessa alla Consulta la questione di legittimità (CSA di Milano, nota 29.11.2011)

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / La disciplina contrattuale della reperibilità è compatibile con le disposizioni in materia di riposi del lavoratore contenute del D.Lgs. n. 66/2003? (parere 28.11.2011 n. RAL-812 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Come si calcola esattamente la indennità di reperibilità secondo l'art. 23 del CCNL del 14.09.2000? E' possibile formulare degli esempi? (parere 28.11.2011 n. RAL-811 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Si possono avere chiarimenti sulla corretta applicazione della disciplina sui riposi compensativi correlati alla reperibilità?
Quali sono i diritti del lavoratore in reperibilità che viene chiamato a prestare la propria attività anche per una sola ora in giornata di riposo settimanale?
(parere 28.11.2011 n. RAL-810 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Come deve essere inteso il riposo compensativo del personale in reperibilità in giornata di riposo settimanale?
Il periodo lavorato a seguito di chiamata come deve essere retribuito?
(parere 28.11.2011 n. RAL-809 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Qual è il trattamento economico del lavoratore che sia chiamato a prestare attività lavorativa in periodo di reperibilità?
Con quali risorse viene retribuito?
(parere 28.11.2011 n. RAL-808 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Come deve essere interpretato l’art. 23, comma 4, del CCNL del 14.9.2000 sul rapporto tra indennità di reperibilità e compenso per lavoro straordinario?
In particolare, se un dipendente in reperibilità di 6 ore in giorno feriale viene chiamato a rendere una prestazione lavorativa di 2 ore, come deve essere retribuito?
(parere 28.11.2011 n. RAL-807 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Spetta l’indennità di reperibilità per i periodo in cui il lavoratore è stato chiamato a prestare attività lavorativa?
E nel caso il dipendente sia stato chiamato per le consultazioni elettorali?
(parere 28.11.2011 n. RAL-806 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Qual è il trattamento economico che spetta al lavoratore reperibile non chiamato a prestare attività lavorativa? (parere 28.11.2011 n. RAL-805 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Il dipendente può rinunciare al riposo compensativo previsto dall’art. 23 del CCNL del 14.09.2000 in caso di reperibilità cadente nel giorno di riposo settimanale? (parere 28.11.2011 n. RAL-804 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Quale giustificazione deve essere data alla specifica disciplina del “riposo compensativo” nel caso di reperibilità ricadente in giornata di riposo settimanale? (parere 28.11.2011 n. RAL-803 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Come si applica l’ultima frase dell’art. 23, comma 4, del CCNL del 14.09.2000 nel caso che all’inserimento in un periodo di reperibilità domenicale non segua alcuna chiamata per prestazione lavorativa? (parere 28.11.2011 n. RAL-802 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Tenuto conto di quanto previsto dall’art. 23, comma 1, del CCNL del 14.09.2000, è possibile collocare un lavoratore in reperibilità per più di 12 ore? (parere 28.11.2011 n. RAL-801 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Cosa si deve intendere l'espressione "sei volte in un mese" riferito al limite per la reperibilità? (parere 28.11.2011 n. RAL-800 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / E’ possibile derogare la previsione dell’art. 23, comma 3, del CCNL del 14.09.2000, secondo la quale il dipendente può essere collocato in reperibilità per non più di 6 volte in un mese? (parere 28.11.2011 n. RAL-799 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / REPERIBILITA' / Come si individuano i lavoratori da collocare in reperibilità? (parere 28.11.2011 n. RAL-798 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: D.L. 98/2011: col taglio delle agevolazioni verranno colpite le famiglie più povere (CGIL-FP di Bergamo, nota 25.11.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Benessere organizzativo, risorsa dimenticata (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.11.2011).

ENTI LOCALI: Unioni di comuni e servizi in convenzione: ricorso alla Corte Costituzionale della regione Lombardia (CGIL-FP di Bergamo, nota 21.11.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: L'ultimo regalo di Brunetta: mobilità e collocamento in disponibilità dei dipendenti pubblici (CGIL-FP di Bergamo, nota 17.11.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: Costituzione del fondo per le risorse decentrate - I residui dell'anno precedente (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.11.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: DDL STABILITA’ – MAXIEMENDAMENTO MOLTO INSTABILE (CSA di Roma, nota 10.11.2011).

ottobre 2011

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: ancora sulle risorse del censimento destinate ai dipendenti (CGIL-FP di Bergamo, nota 31.10.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: La lettera del Governo alla Ue: bentornati a Cisl e Uil (CGIL-FP di Bergamo, nota 31.10.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, settembre-ottobre 2011).

ENTI LOCALI: Manovra-bis: la disciplina dei servizi pubblici locali - Le società di proprietà pubblica e i loro dipendenti (CGIL-FP di Bergamo, nota 24.10.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Buoni pasto e Faverin "il serio" (CGIL-FP di Bergamo, nota 18.10.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Manovra-bis: la liquidazione del TFS/TFR tramite l'Inpdap (CGIL-FP di Bergamo, nota 17.10.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Oggetto: costituzione delle unioni di comuni per l’esercizio associato delle funzioni fondamentali previste dall’art. 21 della legge 42 del 2009 (CGIL-FP di Bergamo, nota 13.10.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / RIDUZIONE ORARIO DI LAVORO / Come si calcola la retribuzione oraria in caso di orario settimanale ridotto a 35 ore? (parere 11.10.2011 n. RAL-745 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / ORARIO PLURISETTIMANALE / Le esigenze organizzative collegate a incrementi periodici o stagionali di attività possono essere soddisfatte anche con altri strumenti diversi dal lavoro straordinario?
Può essere utile, ed in che modo, il ricorso all’orario plurisettimanale?
(parere 11.10.2011 n. RAL-744 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / INDICAZIONI GENERALI / Quali sono le esatte ed opportune modalità di rilevazione dell’orario di lavoro dei dipendenti professionisti? (parere 11.10.2011 n. RAL-743 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / INDICAZIONI GENERALI / E’ possibile estendere la disciplina in materia di orario di lavoro dei dirigenti al personale incaricato di posizione organizzativa? (parere 11.10.2011 n. RAL-742 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / INDICAZIONI GENERALI / Se l’ente locale ha dovuto chiudere i propri uffici per motivi di sicurezza, il personale ha diritto alla retribuzione per il periodo di chiusura? (parere 11.10.2011 n. RAL-740 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / INDICAZIONI GENERALI / In un ente con orario articolato su 5 giorni, i dipendenti che hanno aderito allo sciopero proclamato per l’intera giornata destinata ad uno dei due rientri pomeridiani settimanali devono recuperare il rientro non effettuato?
Come deve essere calcolata la relativa trattenuta sulla retribuzione?
(parere 11.10.2011 n. RAL-739 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ORARIO DI LAVORO / INDICAZIONI GENERALI / Il sabato può essere considerato come giornata di riposo settimanale, in presenza di un orario articolato su cinque giorni dal lunedì al venerdì? (parere 11.10.2011 n. RAL-738 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGOManovra-bis, come cambiano le pensioni (CGIL-FP di Bergamo, nota 10.10.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL. censimento 2011: le risorse destinate ai dipendenti (CGIL-FP di Bergamo, nota 06.10.2011):
- file in formato .PDF oppure (per la compilazione) - file in formato .DOC

PUBBLICO IMPIEGOCGIL materiali - a cura dell'ufficio comunicazione della CGIL di Bergamo (ottobre 2011).

settembre 2011

ENTI LOCALI: Comuni sotto i mille abitanti: il Governo crea scatole vuote e lascia intatte le poltrone (CGIL-FP di Bergamo, nota 24.09.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Il decreto correttivo della "riforma Brunetta": per le fasce di merito applicazione solo col nuovo ccnl (CGIL-FP di Bergamo, nota 21.09.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Performance governativa: l'odissea del contributo di solidarietà (CGIL-FP di Bergamo, nota 13.09.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Performance governativa: misure di sostengo alla contrattazione "di prossimità" (CGIL-FP di Bergamo, nota 12.09.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: La manovra-bis di ferragosto: lavoratori a rischio licenziamento. Qual'è il principale pericolo nascosto? (CSA Lombardia, nota settembre 2011).

agosto 2011

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Manovra estiva: la posizione del CSA (CSA di Roma, nota agosto 2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Toni prudenti nella circolare della funzione pubblica sulla trasformazione unilaterale del part-time (CGIL-FP di Bergamo, nota 04.08.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: diventa un'odissea la disciplina delle assunzioni dopo l'approvazione del D.L. 98/2011 (CGIL-FP di Bergamo, nota 03.08.2011).

luglio 2011

PUBBLICO IMPIEGOIpotesi di contratto collettivo nazionale quadro di integrazione e modifica del CCNQ 09.10.2009 (ARAN, ipotesi 29.07.2011).

PUBBLICO IMPIEGOOggetto: Schema di decreto correttivo del Decreto legislativo 150/2009 (Decreto Brunetta) (CSA-Roma, nota 29.07.2011 n. 317 di prot.).

PUBBLICO IMPIEGOIl decreto correttivo della "riforma Brunetta" manda in soffitta le fasce di merito (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.07.2011).

PUBBLICO IMPIEGOFirmata l'ipotesi di contratto decentrato integrativo al Comune di Albino (CGIL-FP di Bergamo, nota 22.07.2011).

PUBBLICO IMPIEGODecade l'obbligo della visita fiscale il primo giorno di malattia (CGIL-FP di Bergamo, nota 22.07.2011).

PUBBLICO IMPIEGOLa manovra e Brunetta fanno male al pubblico impiego (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.07.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Assegni al nucleo familiare: a chi spetta cosa dei componenti e del reddito del nucleo familiare. I nuovi livelli di reddito per il calcolo dell’importo in vigore fra il luglio 2011 e il giugno 2012 (CGIL di Bergamo, nota luglio 2011).

giugno 2011

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: L'applicazione dell'art. 9, comma 2-bis, del D.L. 78/2010 secondo la Ragioneria Generale dello Stato (CGIL-FP di Bergamo, nota 21.06.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Fac-simile di Contratto Collettivo Decentrato Integrativo per l'anno 2011 (versione modificabile a piacimento) (CISL-FP di Bergamo, giugno 2011).

PUBBLICO IMPIEGOL'indennità di disagio negli enti locali (CGIL-FP di Bergamo, nota 15.06.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Comunicato ai pubblici dipendenti (CSA di Roma, comunicato 14.06.2011).

PUBBLICO IMPIEGOEnte provincia di Bergamo: la costituzione dei fondi per le risorse decentrate in un ente con dirigenza (CGIL-FP di Bergamo, nota 08.06.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come si calcolano e si retribuiscono le ferie per il personale con contratto a termine (1 anno) di 18 ore settimanali (lunedì-giovedì)? (parere 06.06.2011 n. RAL-512 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E’ possibile retribuire le ore di straordinario e le ferie non godute al personale assunto con contratto a termine? (parere 06.06.2011 n. RAL-511 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E’ possibile prorogare il contratto a termine, a suo tempo stipulato per sostituire una lavoratrice in maternità, al fine di consentire a quest’ultima, al rientro in servizio, la fruizione delle ferie? (parere 06.06.2011 n. RAL-510 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ Nel caso si intenda procedere alla risoluzione di un contratto di formazione e lavoro prima della sua scadenza, qual è il termine di preavviso?
Come deve calcolarsi la relativa indennità sostitutiva?
(parere 06.06.2011 n. RAL-412 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ Il dipendente assente per malattia ha un vero e proprio diritto soggettivo all’ulteriore periodo di assenza previsto dall’art. 21, comma 2, del CCNL del 06.07.1995?
In caso negativo, quand’è che l’amministrazione può legittimamente rifiutarglielo?
(parere 06.06.2011 n. RAL-411 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ Se dall’accertamento medico effettuato ai sensi dell’art. 21 del CCNL del 06.07.1995 risulta che il dipendente può permanentemente svolgere solo in modo parziale le mansioni del proprio profilo è corretto mantenerlo in servizio? (parere 06.06.2011 n. RAL-410 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ Al fine della risoluzione del rapporto di lavoro conseguente all’applicazione dell’art. 21, commi 4 e 4-bis, del CCNL del 06.07.1995 e successive modifiche, è necessario attendere in ogni caso il superamento del periodo di comporto? (parere 06.06.2011 n. RAL-409 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ Che significato deve essere attribuito all’espressione “l’Ente può procedere alla risoluzione del rapporto, corrispondendo al dipendente l’indennità sostitutiva del preavviso” contenuta nell’art. 12 del CCNL del 05/10/2001? (parere 06.06.2011 n. RAL-408 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ Si può risolvere il rapporto di lavoro di un dipendente dichiarato inidoneo alle proprie mansioni, in mancanza di altri posti vacanti di altri profili? (parere 06.06.2011 n. RAL-407 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ Il dipendente dimissionario che fruisce di una pensione di anzianità, può presentare domanda per la ricostituzione del rapporto di lavoro (ai sensi dell’art. 26 del CCNL del 14.09.2000) dopo il raggiungimento dei 65 anni? (parere 06.06.2011 n. RAL-406 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ E’ possibile avere qualche chiarimento sulla disciplina applicabile alle dimissioni presentate dalla lavoratrice durante il periodo in cui è previsto il divieto di licenziamento ai sensi dell’art. 54 del D.Lgs. 151/2001? (parere 06.06.2011 n. RAL-405 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ Un dipendente che abbia rassegnato le dimissioni con effetto dall’01.01.2001 può anticipare la risoluzione del rapporto all’01.09.2000? (parere 06.06.2011 n. RAL-404 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ In caso di pagamento dell’indennità sostituiva del preavviso, da quando si verifica l’effetto risolutivo del rapporto? (parere 06.06.2011 n. RAL-403 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: ESTINZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO/ E’ possibile revocare le dimissioni ?
In caso positivo, per il periodo intercorrente tra la cessazione del rapporto e la ripresa del servizio qual è il trattamento economico da corrispondere al dipendente?
(parere 06.06.2011 n. RAL-402 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MODIFICA MANSIONI/ Qual è il trattamento economico da riconoscere al dipendente cui sono state conferite mansioni superiori?  (parere 06.06.2011 n. RAL-126 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MODIFICA MANSIONI/ E' consentito conferire, anche più volte, mansioni superiori al medesimo dipendente? (parere 06.06.2011 n. RAL-125 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ È legittimo conferire le mansioni superiori ad un dipendente della categoria C (ex 6^ qualifica - posizione economica C3) per la sostituzione di un dipendente appartenente alla categoria D (ex 8^ qualifica - posizione economica D5) in part-time verticale nei mesi di assenza di quest'ultimo? (parere 06.06.2011 n. RAL-124 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ Possono essere conferite le mansioni superiori relativamente al periodo di assenza di un lavoratore per la fruizione delle ferie? (parere 06.06.2011 n. RAL-123 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ Devono essere previste espressamente delle risorse ai fini dell'attribuzione delle mansioni superiori? (parere 06.06.2011 n. RAL-122 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ Un dipendente è stato a suo tempo riclassificato in qualifica inferiore per inidoneità fisica ai sensi dell’art. 11 del DPR n. 347/1983, non essendo possibile, per mancanza di posti, utilizzarlo in altre mansioni ascrivibili alla sua qualifica di inquadramento. Lo stesso dipendente, a seguito di progressione verticale, è stato ora reinquadrato nella categoria corrispondente alla qualifica superiore originariamente posseduta.
La differenza di retribuzione tra le due qualifiche, computata nel maturato per anzianità ai sensi dell’art. 27, comma 2, del DPR n. 347/1983 si conserva o viene riassorbita?
(parere 06.06.2011 n. RAL-121 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ In caso di applicazione dell’art. 21, comma 4, del CCNL del 06.07.1995 (e successive modifiche) e di conseguente utilizzazione del dipendente in mansioni proprie di profilo professionale ascritto a categoria inferiore, come deve applicarsi la previsione dell’art. 4, comma 4, della L. n. 68/1999? Si può attribuire un assegno personale?
E’ possibile applicare tale beneficio ai casi verificatisi prima della stipulazione del CCNL del 14.09.2000?
(parere 06.06.2011 n. RAL-120 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ E’ possibile riclassificare in categoria inferiore un dipendente su sua espressa richiesta o, comunque, con il suo consenso? (parere 06.06.2011 n. RAL-119 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ Esistono 'differenze' tra il personale dell'area di vigilanza classificato nella posizione economica D1 in relazione al diverso sistema di selezione utilizzato dall'ente (da un lato selezione interna per progressione verticale ai sensi dell'art. 4 del CCNL del 31.03.1999 e, dall’altro riclassificazione ai sensi dell'art. 29 del CCNL del 14.09.2000)? (parere 06.06.2011 n. RAL-118 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ E’ possibile utilizzare un messo comunale per il ritiro e la consegna della corrispondenza?
Quand’è che le mansioni possono essere considerate equivalenti ai fini dell’applicazione dell’art. 3, comma 2, del CCNL del 31.03.1999?
(parere 06.06.2011 n. RAL-117 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ Quali criteri devono essere seguiti per la richiesta corretta di mansioni equivalenti? (parere 06.06.2011 n. RAL-116 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ Come deve essere attuato il criterio della 'equivalenza delle mansioni'? in particolare per la categoria A? (parere 06.06.2011 n. RAL-115 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ E’ possibile attribuire ad un lavoratore di posizione tabellare D1 mansioni di un profilo di livello superiore corrispondenti ad una posizione economica D3?
Che valore ha il principio della equivalenza delle mansioni nella categoria D?
(parere 06.06.2011 n. RAL-114 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ MANSIONI SUPERIORI/ Come deve essere correttamente interpretato il principio della ‘equivalenza delle mansioni’?
Possono essere indicati utili riferimenti giurisprudenziali in materia?
L'affidamento di mansioni equivalenti può comportare la eventuale erogazione di una indennità correlata alle nuove attività?
(parere 06.06.2011 n. RAL-113 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ In caso di proroga o rinnovo del contratto a tempo determinato qual è il termine per la fruizione delle ferie maturate? (parere 05.06.2011 n. RAL-509 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Quanti giorni di ferie spettano ad un dipendente part-time misto al 30%, che presta servizio per tre giorni alla settimana ma per sole 3 ore giornaliere? (parere 05.06.2011 n. RAL-508 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ In caso di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo parziale verticale a tempo pieno, le ferie maturate nell’ambito del rapporto di lavoro part-time devono essere riproporzionate? (parere 05.06.2011 n. RAL-507 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Le ferie maturate dal dipendente prima della trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale devono essere riproporzionate?
In alternativa è possibile procedere alla loro monetizzazione?
(parere 05.06.2011 n. RAL-506 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come devono essere considerate le ferie di un lavoratore già in mobilità che viene inquadrato in un ente anche in soprannumero? (parere 05.06.2011 n. RAL-505 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E’ possibile monetizzare le ferie non godute dal dipendente trasferito ad altro ente per mobilità? (parere 05.06.2011 n. RAL-504 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come devono essere retribuite le giornate di riposo per festività soppresse, non fruite nel corso dell’anno?
Spetta la monetizzazione anche nel caso di un dipendente riammesso in servizio dopo un periodo di sospensione cautelare?
(parere 05.06.2011 n. RAL-503 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Chiarimenti sul regime giuridico delle 4 giornate di recupero delle ex festività soppresse (parere 05.06.2011 n. RAL-502 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ L’applicazione della legge n. 336/2000 che ha ripristinato la festività del 2 giungo implica la riduzione delle 4 giornate di festività attribuite dalla legge n. 937/1977? (parere 05.06.2011 n. RAL-501 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Il ripristino della festività del 2 giungo disposto dalla L. n. 336/2000, necessita, per la sua applicazione, di particolari adempimenti? (parere 05.06.2011 n. RAL-500 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Possono essere recuperate le festività cadenti in giorno non lavorativo? (parere 05.06.2011 n. RAL-499 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Cosa avviene nell’ipotesi che il dipendente non fruisca, per ragioni di servizio, delle ferie residue entro il primo semestre dell’anno successivo o nel caso che la mancata fruizione derivi dalla mancata richiesta dell’interessato? (parere 05.06.2011 n. RAL-498 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Quale soggetto deve attestare la sussistenza delle indifferibili esigenze di servizio che non hanno reso possibile la fruizione delle ferie nell’anno (art. 18, comma 12, del CCNL del 06.07.1995)? (parere 05.06.2011 n. RAL-497 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Per poter rinviare le ferie al primo quadrimestre dell’anno successivo il dipendente deve fornire dettagliata motivazione?
E’ necessario che si tratti di esigenze personali riferite all’anno di spettanza?
(parere 05.06.2011 n. RAL-496 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come si deve interpretare il comma 13 dell’art. 18 del CCNL in materia di trasporto di ferie residue sul nuovo anno? (parere 05.06.2011 n. RAL-495 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come si provvede alla definizione del periodo di ferie fruibili dal dipendente? (parere 05.06.2011 n. RAL-494 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Quali sono gli effetti della sentenza con la quale il TAR ha annullato un provvedimento di destituzione dall’impiego?
In particolare, il periodo intercorso tra la destituzione e la riammissione in servizio è utile ai fini della maturazione delle ferie e ai fini della progressione economica all’interno della categoria?
(parere 05.06.2011 n. RAL-493 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ I periodi di aspettativa senza assegni sono utili ai fini della maturazione delle ferie? (parere 05.06.2011 n. RAL-492 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ L’assenza per malattia non retribuita di cui all’art. 21, comma 2 del CCNL del 06.07.1995 e successive modifiche comporta la maturazione delle ferie? (parere 05.06.2011 n. RAL-491 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Nella base di calcolo del compenso per ferie non godute deve essere compresa anche la 13^ mensilità? (parere 05.06.2011 n. RAL-490 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ La dipendente che receda dal rapporto durante il periodo di prova ha diritto al pagamento delle ferie maturate e non godute per causa a lei non imputabile? (parere 05.06.2011 n. RAL-489 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ L’amministrazione può rinunciare a parte del preavviso per consentire il godimento delle ferie maturate e non godute a un dipendente dimissionario se il mancato godimento delle stesse è dovuto ad assenza per infortunio sul lavoro protrattasi sino all’inizio del periodo di preavviso? (parere 05.06.2011 n. RAL-488 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Dimissioni presentate in data immediatamente precedente la decorrenza del termine di preavviso. E’ possibile monetizzare le ferie non godute? (parere 05.06.2011 n. RAL-487 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Cosa avviene delle ferie non godute nell’ipotesi di dimissioni del dipendente per motivi personali? (parere 05.06.2011 n. RAL-486 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Cosa avviene, all’atto del collocamento a riposo, se il dipendente non ha potuto usufruire delle ferie maturate nel corso dell’ultimo anno di servizio a causa di malattia? (parere 05.06.2011 n. RAL-485 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Quali sono le condizioni che consentono la monetizzazione delle ferie non godute? E’ possibile monetizzarle in costanza di rapporto?
La monetizzazione presuppone sempre che le ferie non siano state godute per ragioni di servizio? Come comportarsi di fronte ad un accumulo consistente di ferie non fruite negli anni precedenti?
(parere 05.06.2011 n. RAL-484 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E’ possibile interrompere un periodo di congedo di maternità per consentire alla lavoratrice la fruizione delle ferie? (parere 05.06.2011 n. RAL-483 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E’ possibile accogliere la richiesta di un lavoratore per la trasformazione di giorni di ferie già fruite in giorni di permesso non retribuito? (parere 05.06.2011 n. RAL-482 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Si può riconoscere al dipendente il diritto di “revocare” le ferie già autorizzate? (parere 05.06.2011 n. RAL-481 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Le ferie possono essere interrotte per la fruizione di permessi per lutto? (parere 05.06.2011 n. RAL-480 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Quand’è che la malattia interrompe le ferie? In che modo si realizza la debita ed adeguata documentazione della malattia, ai fini dell’interruzione delle ferie? (parere 05.06.2011 n. RAL-479 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E' possibile rapportare ad ore o rifiutare le ferie sistematicamente fruite dal dipendente nei giorni nei quali sarebbe tenuto al rientro pomeridiano? (parere 05.06.2011 n. RAL-478 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E’ possibile che un dipendente fruisca delle ferie subito dopo un periodo di congedo parentale, senza aver ripreso servizio? (parere 05.06.2011 n. RAL-477 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ E’ possibile fruire delle ferie ad ore? E’ possibile accordare mezza giornata di ferie? (parere 05.06.2011 n. RAL-476 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ In caso di ricostituzione del rapporto di lavoro, ai sensi dell'art. 26 del CCNL del 14/09/2000, per l'attribuzione dei giorni di ferie il dipendente deve essere considerato 'neo assunto'? (parere 05.06.2011 n. RAL-475 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Il personale neo assunto (con diritto a 26 gg. di ferie) che ha preso servizio dal 16/02/2004 e che, pertanto, nel mese di febbraio ha prestato servizio per un periodo inferiore a 15 gg., matura, nello stesso mese, almeno 1 giorno di ferie? (parere 05.06.2011 n. RAL-474 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Al fine di stabilire il numero dei giorni di ferie spettanti al dipendente ai sensi dell’art. 18 del CCNL del 06.07.1995 cosa deve intendersi per personale 'neo assunto'? (parere 05.06.2011 n. RAL-473 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Chi deve considerarsi neo assunto ai sensi dell’art. 18 del CCNL del 06.07.1995? (parere 05.06.2011 n. RAL-472 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come deve essere determinato il numero dei giorni di ferie spettanti al dipendente assunto in corso d’anno? (parere 05.06.2011 n. RAL-471 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come devono essere correttamente calcolate le giornate di ferie del personale turnista?
Se la settimana lavorativa è articolata in soli quattro giorni, come si calcolano le ferie?
(parere 05.06.2011 n. RAL-470 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come devono essere calcolate le ferie per i lavoratori che effettuano un orario settimanale in parte su sei giornate e in parte su cinque? Come devono essere conteggiati i giorni lavorativi e in base a quali criteri? (parere 05.06.2011 n. RAL-469 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ In caso di passaggio a regime orario di settimana corta, le ferie fruite in una giornata destinata al rientro pomeridiano possono essere rapportate ad ore al fine di stabilire il residuo ferie?
Le ferie eventualmente maturate in regime orario di settimana lunga e non ancora godute al momento del passaggio al nuovo orario devono essere riproporzionate?
(parere 05.06.2011 n. RAL-468 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Come possono essere calcolate le giornate di ferie nell’anno, in presenza di una articolazione dell’orario di lavoro che prevede alternanza di 6 e 5 giorni lavorativi nella settimana?
Qual è la quota mensile delle ferie in regime ordinario di settimana corta o di settimana lunga?
(parere 05.06.2011 n. RAL-467 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FERIE E FESTIVITA'/ FERIE/ Quanti giorni di ferie spettano ad un dipendente che sia impiegato per due mesi all’anno in regime orario di settimana corta (5 gg.) e per i restanti mesi in regime di settimana lunga (6 gg.)?
In generale come si calcolano le ferie in tutti i casi di passaggio da un regime all’altro?
(parere 05.06.2011 n. RAL-466 - link a www.arangenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: NORME DISCIPLINARI/ Un dipendente, sospeso dal servizio perché rinviato a giudizio, sta prestando la propria attività di lavoro dipendente a favore di terzi.
È dovuto l'assegno alimentare, e con quali modalità, devono essere ripetute le somme corrisposte a tale titolo nel caso in cui il dipendente sia sottoposto a condanna passata in giudicato?
(parere 05.06.2011 n. RAL-667 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: NORME DISCIPLINARI/ E’ possibile per il datore di lavoro pubblico applicare la sanzione della sospensione dal servizio e dalla retribuzione anche nel caso in cui il dipendente sia in malattia nel momento in cui gli deve essere eseguita la sanzione stessa, senza dovere attendere la cessazione dello stato morboso? (parere 05.06.2011 n. RAL-666 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: NORME DISCIPLINARI/ La cessazione del rapporto di lavoro per dimissioni volontarie estingue il procedimento disciplinare? (parere 05.06.2011 n. RAL-665 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: NORME DISCIPLINARI/ Quali sono gli effetti della sentenza con la quale il TAR ha annullato un provvedimento di destituzione dall’impiego?
In particolare, il periodo intercorso tra la destituzione e la riammissione in servizio è utile ai fini della maturazione delle ferie e ai fini della progressione economica all’interno della categoria?
(parere 05.06.2011 n. RAL-664 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Nella espressione 'compensi Istat' sono da ricomprendere anche quelli relativi ai censimenti?
Tali compensi possono essere corrisposti anche ai titolari delle posizioni organizzative?
(parere 05.06.2011 n. RAL-639 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Quali sono gli adempimenti per l’attribuzione al personale incaricato di posizione organizzativa di prestazioni straordinarie elettorali e compensi ISTAT?
Gli enti possono farsi carico delle relative risorse?
(parere 05.06.2011 n. RAL-638 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Quali sono i criteri guida per la disciplina dei compensi ai professionisti?
Le relative risorse devono intendersi al netto o al lordo degli oneri riflessi?
(parere 05.06.2011 n. RAL-637 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il compenso spettante al segretario di una commissione può essere corrisposto anche al responsabile di posizione organizzativa? (parere 05.06.2011 n. RAL-636 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ E’ possibile avere chiarimenti sull’applicazione dell’art. 8 del CCNL del 05.10.2001 che consente di integrare la retribuzione di risultato del personale dell’area delle posizioni organizzative?
In particolare, quali sono, se ci sono, i momenti di confronto con le OO.SS.? Da quando è efficace il citato art. 8?
(parere 05.06.2011 n. RAL-635 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ I compensi per recupero evasione ICI possono essere corrisposti al personale incaricato delle posizioni organizzative anche con decorrenza dal gennaio 2000? (parere 05.06.2011 n. RAL-634 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Sono compatibili con la retribuzione di posizione i compensi per "recupero evasione fiscale"? (parere 05.06.2011 n. RAL-633 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ La disciplina per il pagamento dei compensi per straordinario elettorale, di cui all'art. 39 del CCNL del 14.09.2000, ha decorrenza retroattiva? (parere 05.06.2011 n. RAL-632 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il Comandante della Polizia Municipale, titolare di posizione organizzativa, che coordina un progetto intercomunale, può partecipare alla distribuzione delle risorse specificamente destinate al progetto? (parere 05.06.2011 n. RAL-631 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ L'indennità di vigilanza per gli incaricati delle posizioni organizzative di cui all'art. 35 del CCNL del 14.09.2000 ha effetto retroattivo? (parere 05.06.2011 n. RAL-630 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Quali compensi possono essere corrisposti al responsabile dell’area della vigilanza (incaricato di posizione organizzativa) oltre alla retribuzione di posizione? (parere 05.06.2011 n. RAL-629 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ E’ possibile che un ente stabilisca di remunerare le attività svolte dai responsabili di posizione organizzativa nell’ambito di un progetto finalizzato attraverso l’istituzione di un apposito compenso denominato “indennità di pronta disponibilità”? (parere 05.06.2011 n. RAL-628 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Quali sono i compensi aggiuntivi spettanti al personale incaricato di posizione organizzativa, oltre alla retribuzione di posizione e alla retribuzione di risultato? (parere 05.06.2011 n. RAL-627 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ L’art. B10 del CCNL del 22.01.2004 prevede che l’importo della retribuzione di posizione per le alte professionalità varia da un minimo di € 5.160,66 ad un massimo di € 16.000,00; si chiede di sapere se ai funzionari che già godevano di detta indennità nella misura massima di £. 25.000.000 (oggi € 12.911,42), sia automaticamente attribuibile l’indennità di € 16.000,00, con la medesima decorrenza contrattuale dei benefici economici (01.01.2002) (parere 05.06.2011 n. RAL-626 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Responsabile di posizione organizzativa in distacco sindacale: quali effetti produce, sul suo trattamento economico, la rideterminazione dei valori delle retribuzioni di posizione di cui all’art. 10 del CCNL sul sistema di classificazione del 31.03.1999? (parere 05.06.2011 n. RAL-625 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ La retribuzione di posizione deve essere corrisposta per tredici mensilità?
Il valore annuo della retribuzione di posizione ricomprende anche la 13^ mensilità e quindi deve essere diviso, e corrisposto, per 13 mesi, secondo la chiara previsione dell'art. 11 del CCNL del 31.03.1999
(parere 05.06.2011 n. RAL-624 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ La retribuzione di posizione è utile per la determinazione del trattamento di pensione e dell’indennità di buonuscita?
In relazione al quesito formulato, possiamo segnalare che l'INPDAP, con la recente circolare n. 51 del 28.11.2000, ha specificato che la retribuzione di posizione di cui all'art. 10 e 11 del CCNL dell'01.04.1999, è utile ai fini del trattamento di pensione (quota A) mentre non è interamente utile per la determinazione della indennità premio di fine servizio (buonuscita) se non nella misura di L. 1.500.000, che corrisponde alla precedente indennità del personale di ottava qualifica
(parere 05.06.2011 n. RAL-623 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il valore minimo della retribuzione di risultato (10%) deve essere comunque riconosciuto al responsabile della posizione organizzativa? (parere 05.06.2011 n. RAL-622 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ L’art. 10, comma 1, del CCNL del 31.03.1999 prevede che il trattamento economico accessorio del personale incaricato di una delle posizioni di cui agli artt. 8 e ss. sia costituito unicamente dalla retribuzione di posizione e dalla retribuzione di risultato disciplinate nello stesso art. 10. Come devono essere remunerate le prestazioni di lavoro straordinario? (parere 05.06.2011 n. RAL-620 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il dipendente incaricato di una delle posizioni di cui agli artt. 8 e ss. del CCNL del 31.03.1999 perde la possibilità di effettuare passaggi all’interno della categoria per effetto di progressione economica? (parere 05.06.2011 n. RAL-619 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ All’incaricato di posizione organizzativa deve essere mantenuta la quota di LED attribuita o deve essere riassorbita nella retribuzione di posizione? (parere 05.06.2011 n. RAL-618 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Qual è il personale cui va corrisposta l’indennità di direzione e staff di cui all’art. 37, comma 4, CCNL 06/07/1995 di £. 1.500.000? (parere 05.06.2011 n. RAL-617 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Se un ente adotta un orario di lavoro articolato su 38 ore settimanali su sei giorni per tre settimane e 30 ore settimanali su cinque giorni per la quarta settimana, è possibile che anche il responsabile di posizione organizzativa fruisca, nella quarta settimana e con libera scelta del giorno, del previsto “riposo compensativo”? (parere 05.06.2011 n. RAL-616 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ L’orientamento dell’ARAN a riconoscere il riposo compensativo al personale incaricato di posizione organizzativa nel caso di attività prestata in giorno di riposo settimanale può essere intesa anche al caso di prestazione lavorativa di sabato? (parere 05.06.2011 n. RAL-615 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Le prestazioni lavorative rese da personale incaricato di una delle posizioni organizzative di cui agli artt. 8 e ss. del CCNL del 31.03.1999 in giornata domenicale o festiva infrasettimanale danno diritto a compensi aggiuntivi e/o al recupero della giornata di riposo? (parere 05.06.2011 n. RAL-614 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il dipendente incaricato di una posizione organizzativa può gestire il proprio orario di lavoro in modo flessibile, come i dirigenti, o è tenuto a rispettare le regole stabilite per tutti i dipendenti? In particolare, per posticipare il suo orario d’entrata deve farsi autorizzare? (parere 05.06.2011 n. RAL-613 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ E’ possibile estendere la disciplina in materia di orario di lavoro dei dirigenti al personale incaricato di posizione organizzativa? (parere 05.06.2011 n. RAL-612 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il dipendente in aspettativa per dottorato di ricerca con rinuncia alla borsa di studio ha diritto, ai sensi dell'art. 52, comma 57, della L. n. 448/2001, alla conservazione della retribuzione di posizione e di risultato in godimento?
Anche in caso di scadenza dell'incarico di posizione organizzativa durante il periodo di aspettativa o in caso di successive modifiche organizzative?
Se sì, è possibile frazionare in più periodi l'aspettativa in modo da garantire, almeno in parte, l'effettivo espletamento dei compiti ai quali è collegata la retribuzione di posizione e di risultato?
(parere 05.06.2011 n. RAL-611 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ La retribuzione di risultato prevista dall’art. 10 del CCNL del 31.03.1999 spetta anche per i periodi di congedo parentale?
In caso affermativo, deve essere liquidata sulla base della retribuzione di posizione teoricamente spettante o sulla base di quella effettivamente corrisposta?
(parere 05.06.2011 n. RAL-610 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ La dipendente in congedo di maternità ha diritto alla retribuzione di posizione di cui all’art. 10 del CCNL del 31.03.1999 per tutta la durata del congedo anche se l’incarico di posizione organizzativa scade all’interno di tale periodo? (parere 05.06.2011 n. RAL-609 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Alla dipendente incaricata di posizione organizzativa deve essere corrisposta la retribuzione di posizione durante i periodo di astensione facoltativa e di assenza per malattia del figlio? (parere 05.06.2011 n. RAL-608 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Al personale incaricato di posizione organizzativa si può applicare la disciplina dei permessi brevi di cui all’art. 20 CCNL 06/07/1995? Si può disciplinare la presenza in servizio oltre le 36 ore settimanali? (parere 05.06.2011 n. RAL-607 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ La retribuzione di posizione prevista dall’art. 10, comma 1, del CCNL del 31.03.1999 spetta anche in caso di assenza prolungata? (parere 05.06.2011 n. RAL-606 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Nei comuni privi di qualifiche dirigenziali che rapporto c'è tra le posizioni di responsabilità di uffici e servizi e le posizioni organizzative?
Esiste un obbligo alla corresponsione della retribuzione di posizione e di risultato?
(parere 05.06.2011 n. RAL-606 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Qual è il trattamento economico da riconoscere al responsabile di posizione organizzativa che sostituisca nelle funzioni (con incarico ad interim) una collega assente per congedo di maternità (anche lei responsabile di posizione organizzativa)? (parere 05.06.2011 n. RAL-605 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Come bisogna comportarsi per la sostituzione dell'incaricato di posizione organizzativa? (parere 05.06.2011 n. RAL-604 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Gli incarichi delle posizioni organizzative possono essere affidate, nei comuni di cui all’art. 11 del ccnl del 31.03.1999, al personale della categoria C anche nel caso in cui l’ente abbia uno o più posti della categoria D? (parere 05.06.2011 n. RAL-603 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il regolamento di un comune privo di dirigenza prevede la istituzione dei Settori, come strutture apicali; lo stesso regolamento consente che le funzioni dirigenziali ex art. 107 del TUEL possono essere attribuite solo ad alcuni capi-settore, i settori con responsabile privo di funzioni dirigenziali è inserito funzionalmente in altro settore al cui responsabile sono attribuite le funzioni gestionali dirigenziali.
Secondo l’art. 15 del CCNL 22.01.2004 la posizione organizzativa deve essere riconosciuta a tutti i capi-settore, con relativa attribuzione della retribuzione e del risultato?
(parere 05.06.2011 n. RAL-602 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Ente privo di posizioni di qualifica dirigenziale che abbia applicato la disciplina dell’area della posizioni organizzative ai responsabili dei servizi ai sensi dell’art. 11, comma 1, del CCNL del 31.03.1999: in caso di assenza per malattia di lunga durata, è possibile revocare l’incarico di posizione organizzativa al responsabile di servizio? (parere 05.06.2011 n. RAL-601 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ E’ possibile attribuire funzioni di rappresentanza dell’ente o incarichi di posizione organizzativa a soggetti con incarico di collaborazione? (parere 05.06.2011 n. RAL-600 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ E’ possibile attribuire incarichi di posizione organizzativa, con i corrispondenti trattamenti economici, con effetto retroattivo? (parere 05.06.2011 n. RAL-300 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il dipendente può rifiutare l’incarico di posizione organizzativa che l’ente abbia deciso di conferirgli? (parere 05.06.2011 n. RAL-299 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Qual’è, all’interno dell’ente, il soggetto competente per il conferimento degli incarichi di posizione organizzativa? (parere 05.06.2011 n. RAL-298 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ In un comune privo di figure dirigenziali è stato istituito un apposito “fondo” (distinto dalle risorse dell’art. 15 del CCNL del 01.04.1999) per corrispondere la retribuzione di posizione e di risultato dei responsabili dei servizi nominati dal Sindaco. Si formulano i seguenti quesiti:
1) le risorse corrispondenti allo 0,20% del monte salari dell’anno 2001, destinate a remunerare gli incarichi delle alte professionalità (art. 32, comma 7, e art. 10, comma 5, del CCNL del 22.01.2004) devono essere inserite tra le risorse decentrate stabili (art. 31, comma 2 del CCNL 22.01.2004) oppure tra quelle del “fondo” della retribuzione di posizione e di risultato delle P.O.?
2) l’incremento delle predette risorse decorre dell’anno in cui viene istituita la posizione di alta professionalità o si devono calcolare comunque a partire dall’anno 2003?
3) Se non si intende istituire una posizione di alta professionalità, si deve comunque integrare il “fondo” dello 0,20% del monte salari 2001?
(parere 05.06.2011 n. RAL-297 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ E’ possibile, in un Comune privo di dirigenza, utilizzare le risorse destinate al fondo di produttività per il finanziamento della retribuzione di posizione e risultato dei responsabili di servizio? (parere 05.06.2011 n. RAL-296 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Alcune precisazioni circa il finanziamento, la quantificazione e la corresponsione dell’indennità di risultato solo negli enti con dirigenza (parere 05.06.2011 n. RAL-295 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Le risorse necessarie per il pagamento della retribuzione di posizione e di risultato ai responsabili degli uffici e dei servizi, nei Comuni destinatari dell’art. 11 del CCNL del 31.03.1999, sono interamente a carico del bilancio dell’ente? (parere 05.06.2011 n. RAL-294 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Quali sono gli strumenti e le procedure da attivare per la definizione dell’area delle posizioni organizzative? (parere 05.06.2011 n. RAL-293 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ L’ente è obbligato ad applicare la disciplina degli artt. 8 e seguenti del CCNL del 31.03.1999 sulle posizioni organizzative?
Possono essere stabiliti valori diversi da quelli contrattuali per la retribuzione di posizione?
(parere 05.06.2011 n. RAL-292 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il riproporzionamento dell’indennità di posizione e di risultato per le posizioni organizzative a tempo parziale ha valenza retroattiva? (parere 05.06.2011 n. RAL-291 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ In un ente con dirigenza è possibile il conferimento di un incarico di P.O. ad un dipendente con rapporto di lavoro a tempo parziale? (parere 05.06.2011 n. RAL-290 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il responsabile di una posizione organizzativa può delegare ad altri dipendenti le relative funzioni? (parere 05.06.2011 n. RAL-289 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Ad un dipendente inquadrato in categoria D, con incarico di P.O. ai sensi della lett. a), dell’art. 8 del CCNL 31.03.1999, può essere attribuito anche un incarico di alta professionalità, ai sensi dell’art. 10, comma 2, lett. a), del CCNL del 22.01.2004, elevando la retribuzione di posizione a 16.000 euro? (parere 05.06.2011 n. RAL-288 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ Il principio relativo alla adozione degli atti di diritto comune per la valorizzazione delle alte professionalità, di competenza dei dirigenti, trova applicazione anche con riferimento agli adempimenti per la applicazione della disciplina delle PO di cui alla lettera a) dell’art. 8, del CCNL 31.03.1999? (parere 05.06.2011 n. RAL-287 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ La disciplina delle posizioni organizzative non attinenti alla direzione di struttura, di cui all’art. 8, comma 1, lett. b) e c.), del ccnl del 31.03.1999, continua ad applicarsi anche dopo l’introduzione delle alte professionalità di cui all’art. 10 del ccnl del 22.01.2004? (parere 05.06.2011 n. RAL-286 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ POSIZIONI ORGANIZZATIVE/ L’art. 8, comma 1, del CCNL del 31.03.1999 prevede che gli enti istituiscono posizioni di lavoro caratterizzate da 'assunzione diretta di elevata responsabilità di prodotto e di risultato'.
Come deve intendersi tale espressione?
(parere 05.06.2011 n. RAL-285 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Può il personale comandato presso altri enti partecipare alle progressioni orizzontali nell’ente di appartenenza? (parere 05.06.2011 n. RAL-282 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Sono possibili progressioni orizzontali per tutto il personale? (parere 05.06.2011 n. RAL-281 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ E’ possibile escludere dalle selezioni per la progressione economica orizzontale il personale che abbia effettuato lunghi periodi di assenza?
Il direttore generale dell’ente può sostituirsi, nella valutazione, al “funzionario responsabile”?
A chi è possibile presentare eventuali ricorsi e entro quale termine?
(parere 05.06.2011 n. RAL-280 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ E’ possibile applicare la disciplina delle progressioni orizzontali al personale assunto a tempo determinato? (parere 05.06.2011 n. RAL-279 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Per alcune Amministrazioni risulta indispensabile conoscere l’importo della progressione orizzontale. Sulla busta paga è da ritenersi corretto lo scorporo della retribuzione tabellare (di cui alla tabella B allegata al ccnl) in due distinte voci: stipendio tabellare e progressione orizzontale? (parere 05.06.2011 n. RAL-278 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Quali sono gli effetti della sentenza con la quale il TAR ha annullato un provvedimento di destituzione dall’impiego?
In particolare, il periodo intercorso tra la destituzione e la riammissione in servizio è utile ai fini della maturazione delle ferie e ai fini della progressione economica all’interno della categoria?
(parere 05.06.2011 n. RAL-277 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ E’ possibile ipotizzare nello stesso anno più passaggi per effetto di progressione economica orizzontale ai sensi dell'art. 5 del CCNL del 31.03.1999? (parere 05.06.2011 n. RAL-276 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ E' possibile una valutazione "a posteriori" ai fini della progressione orizzontale? (parere 05.06.2011 n. RAL-275 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ La valutazione del personale, ai fini della progressione economica, ha cadenza annuale? (parere 05.06.2011 n. RAL-274 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Il ccnl del 22.1.2004 prevede la costituzione – con decorrenza dal 31.12.2003 – di due nuove “categorie”, B7 e D6 (accesso B3 e D3). A queste nuove categorie compete l’assegno personale per differenza di I.I.S.? (parere 05.06.2011 n. RAL-273 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ A seguito dell’attribuzione della progressione economica ai sensi dell’art. 5 del CCNL del 31.03.1999, il dipendente ha diritto alla riliquidazione, per l’anno di riferimento della valutazione, delle voci del trattamento economico variabile (come l’indennità di turno, reperibilità, straordinario, ecc.) che fanno riferimento, ai fini della loro quantificazione, alla nozione di retribuzione che ricomprende anche le progressioni economiche orizzontali (art. 52, comma 2, lett. b e lett. c)? (parere 05.06.2011 n. RAL-272 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Il personale che arriva alla posizione B3 per progressione orizzontale mantiene il diritto alla indennità di L. 125.000? (parere 05.06.2011 n. RAL-271 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Presso un ente non si sono effettuate progressioni economiche orizzontali negli anni 2008 e 2009.
E’ legittimo, nel 2010, destinare una parte del fondo di produttività relativa agli anni 2008 e 2009, all’attuazione delle progressioni economiche orizzontali, con decorrenza retroattiva dall’01.01.2008, sulla base della valutazione del personale riferita ai suddetti anni 2008-2009, secondo i criteri già a suo tempo definiti in sede di contrattazione integrativa?
(parere 05.06.2011 n. RAL-270 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Le nuove posizioni di sviluppo economico (A5, B7, C5 e D6) possono essere riconosciute e pagate anche con decorrenza 01.01.2003, come indicato nella tabella C allegata al ccnl? (parere 05.06.2011 n. RAL-269 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Le nuove posizioni di sviluppo economico introdotte in ciascuna categoria dall’art. 35 del CCNL del 22.01.2004 (A5, B7, C5, e D6) possono essere attribuite e remunerate con decorrenza 01.01.2003? (parere 05.06.2011 n. RAL-268 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Il contratto decentrato stipulato nell’anno 2000, può consentire la progressione economica orizzontale anche per il 1999? (parere 05.06.2011 n. RAL-267 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Un ente ha effettuato n. 2 progressioni orizzontali con decorrenza 01.01.1999 e 01.01.2000, determinandone il costo a carico delle risorse decentrate in ragione degli incrementi previsti dal CCNL 01.04.1999 allora vigente (es. costo di una progressione da C1 a C3 pari a € 70,11 mensili oltre 13^). In seguito all’applicazione dei CCNL del 05.10.2001 e del 22.01.2004 il costo di progressione orizzontale del dipendente in C3 è stato rivalutato rispettivamente di € 6.71 e di € 3.98 mensili oltre 13^.
Si formulano i seguenti quesiti:
1. l’importo da portare oggi in deduzione delle risorse decentrate è quello iniziale di € 70.11, considerato che l’art. 29 del CCNL 22.01.2004 e la dichiarazione congiunta n. 14 sembrano stabilire che gli incrementi rispetto alla posizione iniziale (€ 6.71 e € 3.98) sono a carico del bilancio?
2. Il fondo di cui all’art. 17, comma 2, lett. b), CCNL 01.01.1999 è composto dal costo iniziale di progressione orizzontale (€ 70.11), con risorse prelevate dal fondo, e dai successivi adeguamenti (€ 6.71 ed € 3.98) con risorse prelevate dal bilancio dell’ente?
3. Quando il dipendente cessa dal servizio libera a favore del fondo il solo costo iniziale (€ 70.11) o anche le successive rivalutazioni (€ 6.71 ed € 3.98)?
(parere 05.06.2011 n. RAL-266 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ In caso di assunzione a seguito di trasferimento da altro ente, l’importo della progressione orizzontale eventualmente in godimento da parte del lavoratore interessato come viene finanziata?
A carico del bilancio o a carico delle risorse decentrate stabili?
(parere 05.06.2011 n. RAL-265 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Il maggior incremento stipendiale attribuito al dipendente in posizione C3, pari a € 3,98 mensili (47,76 annui per 12 mensilità oppure 51,74 per 13 mensilità), dovrà essere finanziato con oneri a carico del bilancio dell’Ente o dovrà essere finanziato con le risorse decentrate decurtando di fatto gli altri istituti tra i quali la produttività collettiva? (parere 05.06.2011 n. RAL-264 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Gli incrementi contrattuali che il CCNL del 05.10.2001, riconosce al personale collocato nelle posizioni di sviluppo economico del sistema di classificazione devono essere finanziati a carico delle risorse disponibili ai sensi dell’art. 15 del CCNL dell’01.04.1999? (parere 05.06.2011 n. RAL-263 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Con quali modalità deve essere erogato l’importo corrispondente al valore della posizione economica di sviluppo acquisita per effetto di progressione economica? (parere 05.06.2011 n. RAL-262 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Quali sono gli adempimenti necessari per realizzare una corretta progressione economica orizzontale del personale nel periodo di permanenza nella stessa categoria? (parere 05.06.2011 n. RAL-261 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROGRESSIONI ECONOMICHE/ Qual'è l’esatta distinzione fra il lavoratore che a seguito di progressione economica orizzontale è collocato nella posizione economica C2 rispetto a quello collocato in C1? (parere 05.06.2011 n. RAL-260 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: FORMAZIONE/ L’art. 23 del CCNL dell’01/04/1999 obbliga gli enti a destinare alla formazione “una quota pari almeno all’1% della spesa complessiva del personale”? (parere 05.06.2011 n. RAL-128 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROFILI PROFESSIONALI/ Qual è l’esatto trattamento economico da applicare al dipendente assunto per concorso pubblico?
Si può riconoscere il salario di anzianità acquisito in un pregresso rapporto?
(parere 05.06.2011 n. RAL-112 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROFILI PROFESSIONALI/ E’ possibile riconoscere la retribuzione individuale di anzianità maturata nell’Ente di provenienza al dipendente assunto tramite concorso? (parere 05.06.2011 n. RAL-111 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROFILI PROFESSIONALI/ È possibile per il dipendente imporre la variazione del proprio profilo professionale? (parere 05.06.2011 n. RAL-110 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROFILI PROFESSIONALI/ E’ possibile stabilire un rapporto di 'gerarchia' tra i profili collocati nelle posizioni tabellari B3 e D3 rispetto ai profili collocati, rispettivamente, nelle posizioni tabellari B1 e D1? (parere 05.06.2011 n. RAL-109 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROFILI PROFESSIONALI/ E' consentito prevedere un profilo di "Responsabile del servizio ragioneria"? (parere 05.06.2011 n. RAL-108 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROFILI PROFESSIONALI/ A quale soggetto istituzionale spetta il compito di definire le declaratorie dei profili professionali? (parere 05.06.2011 n. RAL-106 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ PROFILI PROFESSIONALI/ Quali sono gli adempimenti per l'individuazione e la descrizione dei nuovi profili professionali? (parere 05.06.2011 n. RAL-105 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ ACCESSO E INQUADRAMENTO/ Per l’accesso dall’esterno alla categoria D è possibile prevedere titoli di studio diversi da quelli contenuti nell’allegato A del CCNL 31/03/1999?
In particolare è possibile prevedere, relativamente alla categoria D, p.ec. D1, il titolo di studio della laurea (L) e, relativamente alla categoria D, p.ec. D3, il titolo di studio della laurea specialistica (L.S)?
(parere 05.06.2011 n. RAL-104 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ ACCESSO E INQUADRAMENTO/ E’ vero che a partire dall’01.01.2002 le posizioni di ingresso nelle diverse categorie si sono ridotte da 6 a 4, a seguito del venire meno delle posizioni B3 e D3? (parere 05.06.2011 n. RAL-103 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ ACCESSO E INQUADRAMENTO/ In caso di mobilità volontaria ex art. 30 del D.Lgs. n. 165/2001, è possibile che il nuovo datore di lavoro attribuisca al dipendente, attualmente in possesso di un profilo professionale avente il tabellare iniziale in D3, un profilo professionale avente il tabellare iniziale in D1?
Precisiamo che il lavoratore si è dichiarato d’accordo e che gli sarebbe comunque garantito il trattamento economico in godimento
(parere 05.06.2011 n. RAL-102 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ ACCESSO E INQUADRAMENTO/ Inquadramento del personale proveniente da amministrazione pubblica di altro comparto di contrattazione o da azienda privata: esiste una disciplina di riferimento che stabilisca le corrispondenze tra le posizioni dei diversi sistemi di classificazione? (parere 05.06.2011 n. RAL-101 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ ACCESSO E INQUADRAMENTO/ Quale trattamento economico deve essere corrisposto ai vincitori di concorso pubblico? Possono essere confermati compensi acquisiti in altre amministrazioni (RIA, assegni ad personam, progressione orizzontale, ecc.)? (parere 05.06.2011 n. RAL-100 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ ACCESSO E INQUADRAMENTO/ Come deve essere determinato il trattamento di un vincitore di concorso; per la categoria D è possibile attribuire un tabellare pari a D4? (parere 05.06.2011 n. RAL-99 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE/ ACCESSO E INQUADRAMENTO/ E' ancora possibile la trasformazione dei posti apicali della ex sesta qualifica funzionale di cui agli artt. 5 e 21 del DPR n. 268/1987? (parere 05.06.2011 n. RAL-98 - link a www.aranagenzia.it).

PUBBLICO IMPIEGO: Lavoro pubblico e lavoro privato - Il giano bifronte della politica governativa (CGIL-FP di Bergamo, nota 03.06.2011).

maggio 2011

PUBBLICO IMPIEGO: Modifica del decreto "Brunetta" - L'immediata applicazione delle norme su merito e premi (CGIL-FP di Bergamo, nota 30.05.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: CONTINUANO LE REVOCHE INDISCRIMINATE E SENZA MOTIVAZIONE DEI PROVVEDIMENTI PART-TIME.
Continuano a pervenire dai territori e dalle amministrazioni notizie preoccupanti sull'applicazione spesso distorta ed impropria della recente normativa contenuta nel cosiddetto collegato lavoro (art. 16 legge 183/2010) che consente alle amministrazioni di rivedere i provvedimenti di part-time già concessi prima dell'entrata in vigore del DL 112/2008 (25.06.2008).
Ciò sta determinando gravissime ripercussioni sulla vita familiare e sull'organizzazione di moltissimi dipendenti, soprattutto lavoratrici, con revoche immotivate e generalizzate dei part-time in essere.
A questo proposito rammentiamo che sono da considerare illegittimi e, dunque, suscettibili di ricorso al giudice del lavoro i provvedimenti di revoca che si pongono in contrasto con la normativa nazionale:
- disposti dopo il 23.05.2011;
- non supportati da adeguata motivazione che ne abbia valutato nel concreto la permanenza delle condizioni di attribuzione e l'impossibilità di provvedere con altri strumenti, nel rispetto dei principi di buona fede e correttezza;
- revoca generalizzata per tutti i part-time per aggirare il termine di 180 giorni.
Sono inoltre da considerare illegittime le revoche basate su una eccessiva discrezionalità delle amministrazioni che si pongono in contrasto con la normativa Europea, che attribuisce all'istituto del part-time un particolare trattamento di favore per il suo alto valore sociale.
Alleghiamo un articolato parere 23.05.2011 dello studio legale Galleano, convenzionato con la UIL-PA, al quale sarà possibile rivolgersi per ricevere assistenza e consulenza, ai recapiti indicati sul nostro sito (commento tratto da www.uilpa.it).

PUBBLICO IMPIEGO: Tribunale di Trento - Illegittima la trasformazione unilaterale del part-time (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.05.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Il blocco 2011-2013 delle risorse destinate al trattamento economico accessorio (CGIL-FP di Bergamo, nota 16.05.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: La costituzione dei comitati unici di garanzia (CGIL-FP di Bergamo, nota 11.05.2011).

PUBBLICO IMPIEGOCCNL Enti Locali - Lavoro in turni e festività infrasettimanale (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.05.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Schema di contratto collettivo decentrato integrativo anni 2011-2012 (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.05.2011).

aprile 2011

PUBBLICO IMPIEGO: La trasformazione unilaterale da part-time a full-time (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.04.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Oggetto: Pubblici dipendenti: precisazioni in merito alla trasmissione telematica della certificazione di malattia nel caso di esenzioni dalla decurtazione stipendiale (circolare n. 2/2010 Dipartimento Funzione Pubblica) (Patronato INCA-CGIL, nota 20.04.2011 n. 55/2011 di prot.).

PUBBLICO IMPIEGO: Festività del 17.03.2011: ecco la legge di conversione (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.04.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Il Tribunale di Grosseto condanna per comportamento antisindacale il Comune di Castiglione della Pescaia (CGIL-FP di Bergamo, nota 18.04.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, aprile 2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Con la circolare n. 7/2011 Brunetta smentisce definitivamente CISL e UIL, ma anche sé stesso (CGIL-FP di Bergamo, nota 12.04.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: R.S.U.: finalmente l'accordo per il rinnovo (CGIL-FP di Bergamo, nota 12.04.2011).

marzo 2011

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Il finanziamento delle risorse previste da specifiche disposizioni di legge (CGIL-FP di Bergamo, nota 29.03.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Schema di contratto collettivo decentrato anni 2011-2012 (CGIL-FP di Bergamo, nota 28.03.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Festa per i 150 anni dell'Unità d'Italia: vi è il dubbio che i lavoratori del comparto Regioni ed Enti Locali non debbano subire la compensazione su ferie o festività soppresse (CSA di Roma, comunicato stampa del 15.03.2011).

PUBBLICO IMPIEGOFestività nazionale del 17.03.2011 (CISL-FP di Bergamo, nota 14.03.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Risorse economiche aggiuntive: per la contrattazione decentrata? (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.03.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Ancora sulla festa nazionale del 17.03.2011 (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.03.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: 17.03.2011: festa dell'Unità d'Italia (CGIL-FP di Bergamo, nota 04.03.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, marzo 2011).

febbraio 2011

PUBBLICO IMPIEGO: La CISL-FP spiega l'intesa del 04.02.2011 anche alle regioni (CGIL-FP di Bergamo, nota 28.02.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Semplicità o disinformazione (CGIL-FP di Bergamo, nota 25.02.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL. - Salario accessorio e specifiche disposizioni di legge (CGIL-FP di Bergamo, nota 24.02.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: La posizione del CSA sull'accordo del 04.02.2011 (CSA di Roma, nota 18.02.2011 n. 119 di prot.).

PUBBLICO IMPIEGO: Accordo separato–riforma Brunetta: il Ministro smentisce Cisl e Uil (CGIL-FP di Roma, nota 17.02.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Elezione delle R.S.U.: il parere del Consiglio di Stato (CGIL-FP di Bergamo, nota 15.02.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: L'intesa del 04.02.2011: una situazione caotica (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.02.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: L'intesa del 04.02.2011: un accordo per escludere la CGIL (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.02.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: La nuova normativa sul T.F.S. dei dipendenti Enti Locali e Sanità (CSA di Roma, nota 12.02.2011 n. 11 di prot.).

PUBBLICO IMPIEGO: L’Intesa del 04.02.2011 tra Governo e Sindacati è un accordo politico: nulla cambia ai fini della rappresentatività sindacale (CSA di Roma, nota 08.02.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Intesa del 04.02.2011: la posizione del CSA Regioni Autonomie Locali (CSA di Roma, nota 07.02.2011 n. 76 di prot.).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, febbraio 2011).

ENTI LOCALI: Scheda informativa: impiego in lavori socialmente utili negli enti locali [per titolari di integrazioni al reddito (CIGS, mobilità, disoccupazione] (CGIL-FP di Bergamo, febbraio 2011).

gennaio 2011

PUBBLICO IMPIEGO: Nasce PERSEO ... la previdenza complementare per la Sanità e gli Enti Locali (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.01.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: La mobilità volontaria tra amministrazioni pubbliche. Problemi applicativi (CGIL-FP di Bergamo, nota 24.01.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Trattamenti di fine servizio: Legge 122/2010 (CISL-FPS di Bergamo, nota 12.01.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Fondo Perseo, parte la previdenza complementare per Sanità e Autonomie Locali (CISL-FPS di Bergamo, nota 12.01.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Aziende speciali, anche consortili, per la gestione dei servizi alla persona (CGIL-FP di Bergamo, nota 08.01.2011).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Verso la soppressione dei consorzi di Polizia? (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.01.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Parte la previdenza complementare per EE.LL. e Sanità: un argine alle misure del governo sulla liquidazione (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.01.2011).

PUBBLICO IMPIEGO: Quesiti relativi alla efficacia delle norme relative ai cd “passaggi verticali”: circolare operativa (CSA di Milano, nota gennaio 2011).

ANNO 2010
dicembre 2010

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGOLegge di stabilità: le assunzioni negli enti locali dall'01.01.2011 (CGIL-FP, nota 31.12.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, dicembre 2010).

PUBBLICO IMPIEGO: La paradossale situazione dell'uso del mezzo proprio (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.12.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: ADEGUAMENTO REGIONI ED ENTI LOCALI AL D.LGS. 150/2009 (CISL-FPS di Bergamo, nota dicembre 2010).

PUBBLICO IMPIEGO: La ricongiunzione dei contributi dopo la manovra estiva: una vera e propria truffa (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.12.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Speciale pensioni (CSA-FIADEL di Milano, Il Faro n. 3/2010).

novembre 2010

EDILIZIA PRIVATALa disciplina delle pensioni ed elle liquidazioni nel pubblico impiego (CGIL-FP di Bergamo, nota novembre 2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, novembre 2010).

PUBBLICO IMPIEGO: OGGETTO: adozione del regolamento degli uffici e dei servizi in applicazione D.Lgs 150/2009 – obbligo di informazione e consultazione (CGIL-FP di Bergamo, nota 30.11.2010).

PUBBLICO IMPIEGOProrogate le R.S.U. fino al loro rinnovo (CGIL-FP di Bergamo, nota 29.11.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Oggetto: Rappresentanze Sindacali Unitarie (ARAN, nota 26.11.2010 n. 10700 di prot. - link a www.aranagenzia.it).
---------------
... nell'attesa della definizione dei nuovi comparti di contrattazione, le RSU attualmente vigenti resteranno in carica anche oltre il 30.11.2010, conservando tutte le loro prerogative, fino alle prossime elezioni.

PUBBLICO IMPIEGO: Tremonti contro Brunetta (CGIL-FP di Bergamo, nota 23.11.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: CONTROVERSIE DI LAVORO: TRA NOVITA' E CONTRADDIZIONI.
Inspiegabili contraddizioni tra la cosiddetta "RIFORMA BRUNETTA" ed il collegato-lavoro in materia di contenzioso disciplinare.
E' indispensabile un chiarimento della Funzione Pubblica, per evitare che i lavoratori pubblici siano privati di un fondamentale strumento di tutela in alternativa al ricorso al giudice del lavoro (nota 22.11.2010 - link a www.uilpa.it).

PUBBLICO IMPIEGO: Le fasce di merito e la deliberazione 111/2010 della Civit (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.11.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Comportamento antisindacale e "riforma Brunetta" (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.11.2010).

PUBBLICO IMPIEGOCollegato al lavoro e part-time (CGIL-FP di Bergamo, nota 15.11.2010).

INCENTIVO PROGETTAZIONE - PUBBLICO IMPIEGOCollegato al lavoro e incentivi alla progettazione interna (CGIL-FP di Bergamo, nota 15.11.2010).

PUBBLICO IMPIEGODirigenza e valutazioni delle prestazioni (CGIL-FP di Bergamo, nota 08.11.2010)

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGOAncora sulle assunzioni nei comuni non soggetti al patto di stabilità dal 1° gennaio 2011 (CGIL-FP di Bergamo, nota 03.11.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: COLLEGATO LAVORO”: LE NOVITA’ SUL PUBBLICO IMPIEGO dopo le ulteriori modifiche parlamentari (link a www.uilpa.it).

PUBBLICO IMPIEGO: Tagli alle tredicesime per i dipendenti pubblici? (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.11.2010).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Il nuovo art. 208 del codice della strada: il parere 20.10.2010 n. 961 della Corte dei Conti della Lombardia (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.11.2010).
---------------
Il parere ha ad oggetto la possibilità per gli enti locali di destinare -mediante appositi progetti- i proventi derivanti da violazioni del codice della strada al trattamento accessorio del personale di polizia municipale.

ottobre 2010

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, ottobre 2010).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGOBozza di regolamento degli uffici e dei servizi aggiornato alle disposizioni del D.Lgs. 150/2009 (riforma Brunetta) (CGIL-FP, nota 07.10.2010).

PUBBLICO IMPIEGOPer un rinnovo delle RR.SS.UU. in tempi rapidi (CGIL-FP di Bergamo, nota 01.10.2010).

settembre 2010

PUBBLICO IMPIEGO: La disciplina della malattia nei comparti del pubblico impiego (CGIL-FP di Bergamo, settembre 2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Il foglio dei lavoratori della Funzione Pubblica (CGIL-FP di Bergamo, settembre 2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Pensioni e liquidazioni: una vera e propria mazzata per i dipendenti pubblici (CGIL-FP di Bergamo, nota 22.09.2010).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: La disciplina delle assunzioni dal 1° gennaio 2011 negli enti locali (CGIL-FP di Bergamo, nota 06.09.2010).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: La disciplina delle assunzioni fino al 31.12.2010 negli enti locali (CGIL-FP di Bergamo, nota 06.09.2010).

agosto 2010

PUBBLICO IMPIEGO: Sul limite del 3,2% degli incrementi contrattuali del biennio economico 2008-2009 (CGIL-FP di Bergamo, nota 02.08.2010).

luglio 2010

EDILIZIA PRIVATA: Rinviato al 31.12.2011 il termine per la cessione o la messa in liquidazione delle società pubbliche (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.07.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Maxiemendamento, cosa cambia nel trattamento economico complessivo 2011-2013 dei dipendenti (CGIL-FP di Bergamo, nota 24.07.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: La manovra sulle pensioni (INCA-CGIL di Bergamo, nota 22.07.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Circolare n. 8 del 19.07.2010 DFP - Assenze dal servizio per malattia dei pubblici dipendenti (CISL-FPS di Bergamo, nota 22.07.2010).

ENTI LOCALI: Verso la definitiva conversione in legge - il decreto sulla manovra estiva (CGIL-FP di Bergamo, nota 19.07.2010).

ENTI LOCALI: Il DDL Codice Autonomie: Individuazione delle funzioni fondamentali di Province e Comuni, semplificazione dell’ordinamento regionale e degli enti locali, nonché delega al Governo in materia di trasferimento di funzioni amministrative, Carta delle autonomie locali. Riordino di enti ed organismi decentrati:
- file 1 - file 2 (CISL-FPS di Bergamo - note 09.07.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Gli assegni al nucleo famigliare - Le tabelle aggiornale al 2010 (CGIL di Bergamo - nota luglio 2010).

PUBBLICO IMPIEGOPensioni, le ultima novità (CGIL di Bergamo - nota luglio 2010).

giugno 2010

PUBBLICO IMPIEGO: Assegno per il nucleo familiare 2010/2011 (CISL di Bergamo, nota giugno 2010).

PUBBLICO IMPIEGO: D.L. 78/2010: il trattamento economico complessivo dei singoli dipendenti nel triennio 2001-2013 (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.06.2010).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: D.L. 78/2010: 400 mila posti in meno nei prossimi tre anni nella pubblica amministrazione (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.06.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Riteniamo utile intervenire ancora una volta sulla portata applicativa della norma contenuta nell’art. 9, comma 4, del D.L. 78/2010, che dispone che i rinnovi contrattuali per il biennio 2008-2009 non possono determinare aumenti retributivi superiori al 3,2% ... (CISL-FPS di Bergamo, nota 23.06.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: La Manovra sulle pensioni (INCA-CGIL di Bergamo, nota 14.06.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Requisiti Previdenziali: pre-D.L. n. 78/31.05.2010 e post-D.L. 78/31.05.2010 (CISL-FP nota 09.06.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: D.L. 78/2010: tagli alle spese per le consulenze nella manovra estiva senza nulla in cambio (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.06.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: D.L. 78/2010: nei fatti la manovra estiva porta ad un allungamento dell'età pensionabile (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.06.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: D.L. 78/2010: la manovra estiva taglia migliaia di precari (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.06.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: In attesa di elaborazioni più approfondite, alcuni primi esempi dei "tagli" sulla previdenza per i lavoratori dipendenti del Pubblico Impiego - ALCUNI ESEMPI A CONFRONTO DOPO IL DECRETO LEGGE 78/2010 MANOVRA FINANZIARIA (CGIL-LOMBARDIA, nota 04.06.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: La manovra estiva del Governo: schede illustrative (CGIL-FP, nota 03.06.2010).

maggio 2010

PUBBLICO IMPIEGO: Una "manovra estiva" iniqua, centralista e contraddittoria (CGIL-FP di Bergamo, nota 31.05.2010).

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: finanziamento delle risorse decentrate (CGIL-FP di Bergamo, nota 20.05.2010).

aprile 2010

ENTI LOCALI - PUBBLICO IMPIEGO: Il personale nei processi di esternalizzazione ed internalizzazione di servizi pubblici locali (CGIL-FP di Bergamo, nota 26.04.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: A proposito di ... Progressioni verticali nel comparto Autonomie Locali e di applicazione della legge 150/2009. La Corte dei Conti della Lombardia conferma la normativa vigente (CISL-FPS di Bergamo, nota 19.04.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Il sistema di monitoraggio del lavoro flessibile nella pubblica amministrazione (CGIL-FP di Bergamo, nota 06.04.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Il certificato medico di malattia nella p.a. (CGIL-FP di Bergamo, nota 06.04.2010).

marzo 2010

PUBBLICO IMPIEGO: Diventa operativa la trasmissione telematica del certificato di malattia nelle pubbliche amministrazioni (CGIL-FP di Bergamo, nota 31.03.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Trasmissione per via telematica dei certificati di malattia dei dipendenti pubblici - Il via dal 03.04.2010  (CISL-FPS di Bergamo, nota 25.03.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL.: cosa cambia nel sistema di valutazione secondo le linee guida ANCI (CGIL-FP di Bergamo, nota 22.03.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Collegato al lavoro: uno schiaffo all'art. 18 dello statuto dei lavoratori (CGIL-FP di Bergamo, nota 22.03.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Progressioni verticali negli enti locali: possibili fino al 31.12.2010 (CGIL-FP di Bergamo, nota 15.03.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: L'applicazione delle fasce di merito negli enti locali (CGIL-FP di Bergamo, nota 15.03.2010).

PUBBLICO IMPIEGO: Collegato al lavoro: la revisione dei rapporti di lavoro a tempo parziale (CGIL-FP di Bergamo, nota 15.03.2010).

febbraio 2010

PUBBLICO IMPIEGO: Varato dalla Giunta Regionale della Lombardia un Progetto di Legge sulla Polizia Locale (CISL-FPS di Bergamo, nota 08.02.2010).

gennaio 2010

PUBBLICO IMPIEGO: Finanziaria 2010: il lavoro accessorio - la nuova forma di precarizzazione nella p.a. (CGIL-FP di Bergamo, nota 11.01.2010).

ENTI LOCALI: Finanziaria 2010: Enti Locali, provvedimenti estemporanei di riduzione della spesa (CGIL-FP di Bergamo, nota 07.01.2010).

ANNO 2009
dicembre 2009

PUBBLICO IMPIEGO: Controriforma Brunetta: quando scatta il licenziamento disciplinare (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.12.2009).

PUBBLICO IMPIEGO: Controriforma Brunetta: spazi e limiti della contrattazione integrativa (CGIL-FP di Bergamo, nota 14.12.2009).

PUBBLICO IMPIEGO: Controriforma Brunetta: a chi e come si applica il sistema delle fasce di merito (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.12.2009).

PUBBLICO IMPIEGO: Controriforma Brunetta: la nuova disciplina della mobilità volontaria (CGIL-FP di Bergamo, nota 09.12.2009).

settembre 2009

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL. privi di dirigenza: a chi si possono conferire gli incarichi di posizione organizzativa (CGIL-FP di Bergamo, nota 11.09.2009).

PUBBLICO IMPIEGO: Ancora sul finanziamento delle posizioni organizzative nei comuni privi di dirigenza (CGIL-FP di Bergamo, nota 04.09.2009).

PUBBLICO IMPIEGO: EE.LL. - Applicazione dell'art. 67 del d.l. 112/2008 (CGIL-FP di Bergamo, nota 04.09.2009).

luglio 2009

ENTI LOCALI: EE.LL. - Decreto anticrisi e tempestività dei pagamenti (CGIL-FP di Bergamo, nota 22.07.2009).

ENTI LOCALI: Obiettivo: ridurre drasticamente il consumo di carta (CGIL-FP di Bergamo, nota 27.07.2009).

PUBBLICO IMPIEGO: Legge 69 del 2009 - Le nuove disposizioni in materia di conferimento di incarichi di collaborazione (CGIL-FP di Bergamo, nota 17.07.2009).

ANNO 2007

INCARICHI PROFESSIONALI - PUBBLICO IMPIEGO: Oggetto: conferimento incarichi di collaborazione esterna (CGIL-FP di Bergamo, nota 22.05.2007).